Vittoria contro Milano, Tezenis vola in semifinale

La Tezenis Verona conquista anche Gara 3 dei quarti di finale e vola in semifinale dove affronterà la Reale Mutua Torino sabato 5 giugno. I gialloblù di coach Ramagli chiudono la serie al meglio, con il successo per 67-82 sul campo dell’Urania Milano.

La Tezenis Verona conquista anche Gara 3 dei quarti di finale e vola in semifinale dove affronterà la Reale Mutua Torino sabato 5 giugno. I gialloblù di coach Ramagli chiudono la serie al meglio, con il successo per 67-82 sul campo dell’Urania Milano. Tre gare e tre successi, questa volta con un pizzico di suspense perché dopo il +20 dei gialloblù la formazione di coach Villa è tornata lentamente in corsa arrivando al -2 nel terzo quarto. Qui, Verona, reagisce ancora da grande squadra e vola verso la vittoria finale.

Verona accelera in maniera decisa dopo tre minuti. In pochi secondi le triple di Tomassini e Severini lanciano i gialloblù sul 6-11. La Tezenis trova punti importanti di vantaggio ma la fiammata non mette paura all’Urania. Raivio e Bossi guidano il rientro della squadra di casa che pareggia sul 13 mentre i gialloblù, per due volte consecutive, non trovano la via del canestro. Da un lato i gialloblù abbassano le percentuali in attacco, dall’altro l’Urania ne approfitta e trova il +2 con il canestro di Montano (18-16).

La Tezenis torna protagonista; il break di 0-4 spiana la strada ai gialloblù. Pini, per due volte, chiude la strada a Montano e la tripla di Sacchetti chiude il primo quarto: 18-24. La difesa della Tezenis fa la differenza in apertura di secondo quarto. Sono 3 le palle perse consecutive della formazione di Milano e quando Sacchetti si costruisce il gioco da tre punti, Verona vola sul massimo vantaggio: 29-18.

LEGGI ANCHE A Roma ultima battaglia per la VetroCar, in palio il podio

L’Urania mette assieme solamente un punto in 4 minuti e mezzo di gioco e proprio dalla difesa i gialloblù trovano l’energia per allungare ancora fino al 19-34. Milano trova punti solamente dalla lunetta per quasi 9 minuti, un digiuno interrotto solamente dalla tripla di Piunti (27-40). I tre liberi di Caroti ristabiliscono le distanze (29-43) e prima della sirena dell’intervallo lungo Tomassini mette la tripla del 29-46.

La tripla di Tomassini chiude alla perfezione una buona circolazione di palla mentre Milano prova il tutto per tutto per rimanere agganciata nel punteggio. Il fallo tecnico fischiato a Bobby Jones manda in lunetta Montano (36-49) ma l’Urania non concretizza il possesso successivo. Sale in cattedra Greene che mette 4 punti consecutivi e realizza il 37-53. L’antisportivo a Raivio si concretizza con i due liberi di Rosselli e con il con il canestro, ancora, di Greene (37-57) per il +20 dei gialloblù.

Raivio, Bossi e Piunti trovano punti che riavvicinano Milano (44-57). Milano alza l’intensità in difesa e torna a -10 (47-57). Severini interrompe il digiuno gialloblù e l’ultimo minuto si apre con la tripla di Montano (52-59) che riapre definitivamente il match. L’errore di Sacchetti e il canestro di Raivio chiudono il terzo quarto: punteggio di 54-59.

Pini e Montano aprono gli ultimi 10 minuti (57-61) e l’errore di Tomassini spiana nuovamente la strada all’Urania che con Piunti accorcia ancora (59-61). La Tezenis si affida a Greene per tornare ad accumulare punti (59-63) e poco dopo a Rosselli, che buca la retina dalla distanza (61-66). Milano spreca, Greene infila da tre punti e Villa, sul 61-69, ferma il gioco.

È preziosissimo il rimbalzo di Candussi a metà quarto, lo stesso che mette in moto Greene per il nuovo +10 (61-71). L’Urania prova l’ennesimo rientro, la tripla di Tomassini è oro (66-75). La schiacciata di Candussi nell’ultimo minuto è il sigillo sulla partita. Si chiude sul 67-82.

LEGGI ANCHE A Peschiera del Garda le finali del campionato italiano di sitting volley maschile

«Abbiamo difeso, anche se abbiamo fatto qualche errore banale, anche difensivamente. Purtroppo abbiamo smesso di attaccare nel momento in cui dovevamo chiuderla, sul +20. Loro sono rientrati con veemenza, fortunatamente abbiamo tenuto difensivamente nel quarto quarto» commenta l’allenatore Ramagli. «Per rimetterti davanti abbiamo fatto buone giocate in attacco, cosa che non avevamo fatto dalla metà della terza frazione fino alla fine. Secondo me è una qualificazione meritata, vincere le 3-0 non è mai semplice, basti vedere la voglia che i nostri avversari hanno messo in campo per cercare di tenere viva la serie, quindi è un 3 a 0 secondo me meritato».

«Conquistato certamente con le modalità giuste, ma con qualche riflessione indispensabile da fare, perché in gara 2 e in gara 3 abbiamo avuto delle pause che possono costarci caro in una semifinale. Però intanto, ora è opportuno ricordarci che il 14 febbraio tornavamo da Biella terzultimi mentre ora siamo qua a giocarci una semifinale e credo che questo risultato non sia affatto scontato» aggiunge.

Urania Milano – Tezenis Verona 67-82 (18-24, 11-22, 25-13, 13-23) 

Urania Milano: Matteo Montano 22 (4/7, 3/6), Giorgio Piunti 17 (4/6, 2/4), Stefano Bossi 11 (3/6, 1/4), Nik Raivio 10 (5/10, 0/0), Wayne Langston 3 (1/4, 0/1), Andrea Benevelli 3 (1/4, 0/4), Tommaso Raspino 1 (0/1, 0/0), Daniele Pesenato 0 (0/0, 0/0), Matteo Franco 0 (0/0, 0/0), Vittorio Lazzari 0 (0/0, 0/0), Matteo Chiapparini 0 (0/0, 0/0), Matteo Cavallero 0 (0/0, 0/0) Tiri liberi: 13 / 18 – Rimbalzi: 30 4 + 26 (Nik Raivio 11) – Assist: 16 (Stefano Bossi, Nik Raivio 5)

Tezenis Verona: Phil Greene iv 21 (8/8, 1/4), Giovanni Tomassini 19 (1/3, 5/8), Brian Sacchetti 9 (1/4, 2/3), Bobby ray Jones 8 (1/5, 1/3), Francesco Candussi 7 (2/5, 1/1), Guido Rosselli 7 (1/1, 1/2), Giovanni Severini 5 (1/2, 1/5), Giovanni Pini 3 (1/6, 0/0), Lorenzo Caroti 3 (0/1, 0/0), Davide Guglielmi 0 (0/0, 0/0), Andrea Colussa 0 (0/0, 0/0) Tiri liberi: 14 / 20 – Rimbalzi: 31 6 + 25 (Bobby ray Jones 8) – Assist: 17 (Phil Greene iv 6)

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM