Caso Balotelli, “Le Iene” arrivano a Verona

La troupe, avvistata ieri vicino allo stadio, avrebbe chiesto opinioni ai passanti e ai tifosi riguardo il "caso Balotelli".

le iene verona

Anche al programma di Italia 1, “Le Iene“, sembra essere arrivata la notizia riguardo ai presunti cori razzisti contro Balotelli, urlati durante la partita di domenica tra Hellas e Brescia e che hanno fatto scoppiare un vero e proprio “caso nazionale”.

Ieri, nella zona dello stadio Bentegodi, è stata avvistata una troupe televisiva intenta a fermare i passanti e tifosi dell’Hellas per chiedere un’opinione sulla vicenda.

Proprio stuzzicato dalle Iene, il sindaco Federico Sboarina ha deciso di regalare un pallone autografato a Mario Balotelli. «Attraverso le Iene, che oggi lo intervisteranno, mi è stato chiesto di donargli qualcosa – le sue parole, riportate dall’Ansa -. C’era un pallone, tra l’altro a me caro, l’ho autografato con una dedica al giocatore. Mi sono un po’ adeguato allo spirito delle Iene che fanno un pò di teatro».

«Ma quel che è successo domenica – ha aggiunto Sboarina – invece va preso molto seriamente, perché la tematica del razzismo è oggettivamente di priorità assoluta da affrontare e contrastare. La questione è che domenica allo stadio nessuno ha sentito quei cori, benché poi siano usciti determinati articoli. Nessun giornalista dei quotidiani nazionali presenti allo stadio, con i quali ho parlato ieri, aveva sentito niente. Se poi ci sono dei singoli, ognuno si assume la responsabilità di quel che dice e fa, e ne risponde. Perché un conto sono i singoli, un conto è appiccicare un’etichetta a una città e a un’intera comunità. Questo è inaccettabile».

Nel frattempo, sempre ieri, il mondo politico veronese ha detto la sua sul caso, e due consiglieri comunali hanno presentato mozioni diverse.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.