Incendio di San Martino Buon Albergo del 2018, arrestato il responsabile

Finisce in carcere l'ex proprietario della concessionaria di moto bruciata nell'incendio del 2018 a San Martino Buon Albergo.

Incendio San Martino 2018 New Felix Moto
L'incendio della New Felix Moto di San Martino Buon Albergo nella notte fra 18 e 19 settembre 2018

Arrestato il proprietario della “New Felix Moto”, appiccò l’incendio di San Martino nel 2018

Arriva a conclusione il lungo iter di indagini e processo per l’incendio, riconosciuto come doloso, della concessionaria “New Felix Moto” di via XX settembre a San Martino Buon Albergo nel 2018. Con condanna definitiva, il Tribunale di Verona ha riconosciuto colpevole di aver dolosamente appiccato il fuoco il proprietario stesso della concessionaria.

L’uomo, un sessantenne veronese, è stato arrestato ieri sera dai Carabinieri della Stazione di San Martino Buon Albergo, che hanno eseguito l’ordine di carcerazione emesso nella stessa giornata dalla Procura della Repubblica. L’incendio avvenne nella tarda serata del 18 settembre 2018.

LEGGI LE ULTIME NEWS

L’azione provocò un’esplosione seguita da un incendio che distrusse l’immobile rendendolo inagibile. Un gesto tanto pericoloso da far decidere per l’evacuazione dei residenti del palazzo. Un passante venne inoltre colpito da un infisso scagliato dall’altra parte della strada dalla violenza dello scoppio.

L’uomo deve scontare la pena di 1 anno e 8 mesi di reclusione.

Pochi giorni dopo l’incendio Gilberto Felisi, l’ex proprietario della concessionaria, era stato fermato con l’accusa di aver dato fuoco all’immobile allo scopo di frodare l’assicurazione e incassare la polizza anti-incendio.

LEGGI ANCHE: Provocazione o sovversione? Spunta a Borgo Trento un volantino fascista

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM