Dal Moro (PD): «Emendamento per salvare le imprese italiane»

Il deputato del Partito Democratico Gianni Dal Moro invia una nota nella quale fa il punto sulla situazione di crisi in cui versano le imprese italiane.

Il deputato del Partito Democratico e componente della Commissione di Bilancio Gianni Dal Moro invia una nota nella quale fa il punto sulla situazione di crisi in cui versano le imprese italiane, in vista anche dell’imminente presentazione del testo della Legge di Bilancio 2021, da discutere nella mattinata di domani.

Leggi anche: CGIA: «Per risollevare le imprese servono misure choc»

«La tempesta perfetta si sarebbe abbattuta fra qualche mese sulle imprese italiane che, in sede di approvazione dei bilanci 2020, avrebbero registrato una perdita superiore al proprio capitale sociale. Nei bilanci 2020 si sarebbero verificate per
molte imprese sane perdite di capitale che non avrebbero riflettuto le effettive capacità e potenzialità delle imprese coinvolte. Questo rischio di importanti perdite avrebbe posto gli amministratori di un numero elevatissimo di imprese nell’alternativa – palesemente abnorme – tra l’immediata messa in liquidazione, con perdita della prospettiva di continuità per imprese anche performanti, ed il rischio di esporsi alla responsabilità per gestione non conservativa ai sensi dell’articolo 2486 del codice civile».

Leggi anche: Imprenditoria femminile presente nella Legge di Bilancio 2021

Prosegue: «Con il mio emendamento, sostenuto dal Partito Democratico, poi riformulato dal Governo, approvato in Commissione Bilancio alla Camera, si congelano per cinque anni tali perdite ai fini del calcolo dei minimi patrimoniali di cui agli articoli 2446, 2447, 2482 e 2482 bis. Si è scelto un periodo di cinque anni così da garantire alle imprese un periodo congruo per recuperare le perdite dell’esercizio in corso. Sin dal decreto liquidità avevo segnalato questo tema dell’erosione del capitale sociale e delle perdite del bilancio 2020 con un emendamento presentato che oggi trova una risposta molto positiva da parte del Governo. Abbiamo messo in sicurezza un grande numero di imprese italiane, PMI in particolare, che potranno nella post pandemia pianificare la ripresa con maggiore tranquillità e fiducia».

Dal Moro interviene anche su un altro provvedimento, che riguarda l’estensione della rivalutazione dei beni d’impresa immateriali: «Si tratta di un importante provvedimento in favore delle imprese approvato dalla Commissione Bilancio proposto dal Pd e dalla Lega (Garavaglia) e approvato da tutta la commissione. Vogliamo garantire alle imprese, colpite dagli effetti economici della pandemia da Covid-19, la possibilità di valorizzare pienamente il proprio patrimonio, estendendo la rivalutazione dei beni di impresa all’avviamento e alle altre attività immateriali risultanti dal bilancio dell’esercizio in corso al 31 dicembre 2019».