Case di riposo e RSA, Grottola (Ulss 9): «Procedure immediate per assumere infermieri neolaureati»

A commentare la situazione dei contagi in aumento in case di riposo e RSA, ai microfoni di Buongiorno Verona, il direttore dei Servizi socio sanitari dell'Ulss 9 Scaligera Raffaele Grottola.

Sono in aumento a Verona i contagi in case di riposo e RSA: circa il 20% degli ospiti risulta contagiato, 1 su 5. È il dato peggiore di tutto il Veneto: a pesare su questa situazione anche la carenza di personale, aggravata dai contagi tra il personale.

A parlarne, su Radio Adige TV 640, nella trasmissione Buongiorno Verona, Raffaele Grottola, Direttore dei Servizi socio sanitari dell’Ulss 9 Scaligera. Sui dati esposti, dichiara il dottor Grottola, «parliamo di oltre un migliaio di persone anziane risultate positive su cinquemila ospiti totali».

I sindacati, in questa situazione, accusano l’Ulss 9 di non aver inviato personale aggiuntivo nelle case di riposo, con particolare riferimento all’Istituto Assistenza Anziani.

Leggi anche Covid, case di riposo sotto scacco. I sindacati: «Deve arrivare più personale»

«Se da un lato è vero che c’è carenza di personale, non è vero che l’Ulss non abbia adottato degli strumenti per mettere a disposizione ulteriori infermieri. Sapevamo che l’unica possibilità a livello regionale era permettere ai nostri infermieri di effettuare prestazioni aggiuntive, oltre all’orario di lavoro ordinario, presso i centri per anziani in grossa difficoltà». Ad accettare questa possibilità circa una trentina di infermieri dell’Ulss 9.

Sull’alto numero di morti e contagiati – commenta Raffaele Grottola – «in questa seconda pandemia, abbiamo rilevato una trasversalità del fenomeno che ha abbracciato intere reti familiari, gruppi e associazioni. È chiaro che, con la ripresa della vita sociale, i contagi sono arrivati nelle strutture dagli stessi operatori». Strutture che sono arrivate molto più preparate a questa seconda ondata, con maggiore disponibilità di DPI.

Sull’arrivo di nuovo personale, annunciato dall’Ulss 9 nei giorni scorsi – tema sul quale è intervenuta anche Elisabetta Elio, direttore generale di Fondazione Pia Opera Ciccarelli, Grottola mette in evidenza «l’intenzione di proseguire su questa strada, grazie a un concorso di Azienda Zero dedicato agli infermieri» e «l’attivazione di procedure immediate per assumere i nuovi infermieri laureati, con contratti a tempo determinato».

Conclude Raffaele Grottola, Direttore dei Servizi socio sanitari dell’Ulss 9 Scaligera: «In questo momento continueremo a percorrere la strada delle prestazioni aggiuntive».