Car fluff a Sorgà, il sindaco: «Perché Provincia e Regione hanno voluto questa mostruosa discarica?»

La Regione Veneto ha approvato in conferenza dei servizi, con il voto contrario del Comune di Sorgà, il progetto di discarica di "car fluff" in località De Morta. L'amarezza del sindaco Nuvolari e dell'assessora Rasoli.

Christian Nuvolari, sindaco di Sorgà
Christian Nuvolari, sindaco di Sorgà

Lo scorso 31 agosto la Regione Veneto ha approvato in conferenza dei servizi, con il solo voto contrario del Comune di Sorgà, il progetto di discarica di “car fluff” in località De Morta di Pontepossero, proposto dalla ditta Rmi.

Arriva così un altro passaggio fondamentale dell’iter di cui sul territorio si discute ormai da parecchi mesi. Amaro il commento del sindaco di Sorgà Christian Nuvolari e dell’assessora all’Ecologia Greta Rasoli: «Non riusciamo francamente a capire perché la Provincia di Verona e la Regione Veneto hanno voluto ancora una volta questa mostruosa discarica sul proprio territorio. Era una cosa dovuta? È stata una scelta politica? O un’autonoma decisione dei funzionari?».

LEGGI ANCHE: Ultimo appello contro la discarica di car fluff a Sorgà: l’incontro a Isola della Scala

Sono questi gli interrogativi che restano agli amministratori di Sorgà dopo un lungo percorso di riunioni, incontri e battaglie sul campo burocratico.

Come già annunciato, il Comune ricorrerà al Tar «non appena avremo in mano il Paur», cioè il Provvedimento autorizzatorio unico regionale.

Incontro Nogara - discarica Car fluff Sorgà
Incontro a Nogara sul progetto di discarica di car fluff a Sorgà (22 luglio 2022)

Nuvolari e Rasoli si interrogano sul comportamento della Provincia: «Per questo scempio al nostro territorio, a prevalente vocazione agricola, la Provincia di Verona è passata da un iniziale disinteresse, a un parere negativo e infine alla non partecipazione al voto, che equivale a un assenso al progetto» secondo gli amministratori di Sorgà. «La Provincia di Mantova sulla stessa discarica si è espressa per il suo rigetto» ricordano.

Sul tema si è espressa anche la consigliera regionale di Europa Verde Cristina Guarda: «Non importa se a guadagnarci è solo il privato: la Regione imporrà al Comune di pagare l’adeguamento della strada, spendendo almeno 1,5 milioni di euro. L’esempio della discarica di Sorgà, purtroppo, ci fornisce una chiara immagine di chi, alla fine, a parole parla di difesa del Veneto, nella pratica invece, pare svenderlo al miglior offerente.».

LEGGI ANCHE: Approvata la discarica di Sorgà, il sindaco: «Una condanna da parte della Regione Veneto»

Di seguito la lettera completa pubblicata da Nuvolari e Rasoli sui canali del Comune.

LEGGI ANCHE: Incidente mortale a Verona, investito un pedone

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI
PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM