Baby gang, Padovani: «Problema da affrontare da un punto di vista sociale»

In merito agli episodi di aggressione avvenuti nella nostra città nelle ultime settimane da parte di baby gang, è intervenuto ai nostri microfoni Marco Padovani, assessore alla Sicurezza del Comune di Verona.

Il tema “sicurezza” a Verona, ultimamente, è diventato un tasto dolente. Nell ultime settimane, infatti, sono state diverse le aggressioni di baby gang a danni di coetanei in centro, ma anche ai danni di esercenti del posto. Gli ultimi episodi di questo genere sono avvenuti in Borgo Trento, dove il proprietario di un bar è stato aggredito.

«Negli ultimi due anni la Polizia Locale ha fatto un grande lavoro per individuare i minorenni, non solo in centro, ma anche nei quartieri, dediti allo spaccio e ad altre attività illegali» ha spiegato l’assessore alla Sicurezza del Comune di Verona Marco Padovani.

LEGGI ANCHE: Borgo Trento chiede più sicurezza

«Nel 2020 abbiamo identificato 997 minorenni. Ben 11 sono stati segnalati all’autorità giudiziaria per fatti gravi. Altri 57 quelli segnalati alla Prefettura come assuntori di sostanze stupefacenti».

Quello delle cosiddette “baby gang”, secondo Padovani «è un fenomeno importante, ma non a livelli di altre città metropolitane d’Italia. Un fenomeno comunque da monitorare».

LEGGI ANCHE: Baby gang, Simeoni: «Episodi sporadici, Verona è sicura»

La situazione pandemica, secondo Padovani, incide come concausa di episodi di aggressioni e teppismo: «In mancanza di scuola e attività sportive, i ragazzi si ritrovano in situazioni di disagio, che li porta in alcuni casi a questi episodi di microcriminalità. Ovviamente si tratta di una minoranza, rispetto ai tanti ragazzi».

«Il problema va affrontato da un punto di vista sociale, anche nelle scuole».

Leggi anche: Sicurezza in città, Dalle Pezze: «Serve attivare il “Controllo di vicinato”»

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM