Vetrocar Css, semifinale alle porte: ecco il derby contro Padova

La VetroCar Css Verona si prepara all'ennesimo confronto con le forti corregionali dell'Antenore Padova domani alle ore 16.00 al Centro sportivo Plebiscito (Padova). Stavolta l'incontro è valido per la prima gara della serie di semifinale scudetto, che darà alla vincitrice la possibilità di "servire" per il match point a metà della prossima settimana.

Veronica Perna (Paul Take foto)

È tempo di dentro o fuori. La VetroCar Css Verona si prepara all’ennesimo confronto con le forti corregionali dell’Antenore Padova domani alle ore 16.00 al Centro sportivo Plebiscito (Padova). Stavolta l’incontro è valido per la prima gara della serie di semifinale scudetto, che darà alla vincitrice la possibilità di “servire” per il match point a metà della prossima settimana.

«Il primo pensiero va a tutti i sacrifici fatti dalla società per permettere che la squadra potesse giocare questo campionato, nonostante le difficoltà di questo periodo» afferma Veronica Perna, attaccante di origini abruzzesi alla terza stagione in gialloblù. «Poi questo match mi fa ripensare agli allenamenti svolti, agli stop imposti dalle quarantene e a tutte quelle altre dinamiche che fanno parte della vita di un’atleta in una stagione così lunga. In partita mostreremo la voglia e la passione per questo sport e tutto il duro lavoro che c’è dietro».

«Visti i tanti cambiamenti non è stato un periodo tranquillo in spogliatoio» prosegue. «Ma c’è voglia e impegno per tenere unita la squadra, spronandoci a vicenda, dalla più veterana alla più inesperta. Cerchiamo ogni giorno di tenere alta la grinta e la “cazzimma”, come dice il mister, perché sarà quello scalino in più che ci farà raggiungere i nostri obiettivi».

LEGGI ANCHE Chievo, a Venezia per conquistare la Serie A

«Le prime impressioni sul mister non possono che essere positive. Ho avuto la fortuna di essere allenata da lui in nazionale giovanile e ho sempre visto in lui una serietà e una competenza quasi uniche» continua. «Allenamento dopo allenamento ci sta portando a una visione di gioco più ampia, facendoci vedere aspetti e sfumature che una giocatrice può avere, dal tiro in porta all’atteggiamento giusto da avere ogni giorno».

«Abbiamo le carte in regola per potercela giocare contro Padova» prosegue. «La farà chi ha più voglia di vincere e chi delle due squadre ci crede di più, rimanendo concentrata fino alla fine. A questo punto del campionato ogni partita deve essere giocata al 100 per cento, senza risparmiarsi. In più di un’occasione la VetroCar è stata una squadra imprevedibile: sarebbe bello esserlo anche questa volta».

«L’Antenore è una squadra che dà filo da torcere a tutte grazie alla coesione in acqua e alla capacità di far pagare caro quasi ogni errore commesso. Se c’è una giocatrice che si nota di più è Chiara Ranalli. Pescarese come me, sono cresciuta vedendola dalla panchina e giocando al suo fianco per 4 anni. Ho sempre ammirato la sua freddezza nel tiro e la sua aggressività nel gioco» conclude.

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM