Hellas a Roma, Juric: «Affrontiamo una squadra di primo livello. Sarà dura»

Nella prima giornata del girone di ritorno, l'Hellas va all'Olimpico per affrontare la Roma. All'andata finì 3-0 a tavolino per gli scaligeri. Soddisfazione per mister Juric dal calciomercato, dopo l'arrivo di Kevin Lasagna.

Dopo la storica vittoria contro il Napoli di domenica, per l’Hellas non è finito l’impegno con le grandi di campionato. Nel posticipo di domenica 31 gennaio alle 20.45 trasferta allo Stadio Olimpico contro la Roma di Fonseca. All’andata finì 3-0 a tavolino per il Verona, dopo il caso Diawara.

Una sfida da non sottovalutare per mister Juric. «La Roma potrebbe sembrare in un momento di difficoltà ma va ricordato invece che in classifica sta davanti alla Juventus. E’ vero hanno perso il derby e sono usciti dalla Coppa Italia in modo strano, però sono terzi e lo sono perché sono pieni di talenti e c’è stato un momento in cui giocavano il miglior calcio italiano. E’ bello vederli giocare. Affrontiamo una squadra di primo livello. Sarà dura».

Proprio domenica termina il calciomercato. «Non ne sono stato preoccupato, noi siamo un bell’ambiente, non ci sono state distrazione trai i giocatori. Voglio ringraziare Di Carmine e Danzi, perché ci hanno dato tanto, anche l’anno scorso. Il gruppo lavora bene e tutti i nuovi vengono accolti bene. Il mercato non è stato un problema per noi».

«Ceccherini è recuperato, penso che stia andando meglio. Lasagna potrebbe anche giocare, non ancora deciso. Fisicamente sta bene» prosegue. «La prima parte di campionato è stata fantastica, anche per la situazione. Con il tempo abbiamo recuperato giocatori e ci siamo allenati insieme. Abbiamo fatto un bellissimo girone di andata. Lasagna arriva al posto di un altro attaccante, ci può dare molto».

«Come acquisti abbiamo fatto dei bei investimenti, cosa che non abbiamo fatto ad inizio campionato. Io credo che la ricchezza di una squadra stia anche nei giocatori di proprietà e forse ci stiamo avviando su questo percorso» continua. «Abbiamo giocatori di qualità, esperienza e umanità, abbiamo una buona base, dobbiamo crescere ed investire nelle nuove leve. Serve sicurezza e stabilità. Sono soddisfatto dell’arrivo di Lasagna».

Conclude esprimendo soddisfazione per il lavoro di tutti. «Sono molto contento del nostro lavoro, anche come staff, so però che anche il calcio cambia in fretta, serve lavorare bene, essere attenti e concentrati. C’è molto da lavorare sempre per fare bene».