Nuovi supermercati in Borgo Milano, Benini: «In cambio di rotonde? È follia urbanistica»

Fanno discutere le due aree, oggi degradate, che diventeranno supermercati in Borgo Milano. Il consigliere comunale del Pd Federico Benini critica la scelta di ottenere così due rotonde come opere compensative.

Assemblea pubblica sui supermercati in Borgo Milano, con il consigliere comunale Federico Benini
Assemblea pubblica sui supermercati in Borgo Milano, con il consigliere comunale Federico Benini

Venerdì sera l’assemblea pubblica sui due nuovi supermercati in Borgo Milano

Si discute nella Terza Circoscrizione di Verona, e in particolare a Borgo Milano, delle delibere del Consiglio comunale che hanno dato il via libera alla costruzione di due nuovi supermercati nel quartiere.

L'assemblea pubblica organizzata dal Pd sui nuovi supermercati in Borgo Milano
L’assemblea pubblica organizzata dal Pd sui nuovi supermercati in Borgo Milano

Sul tema il circolo del Pd locale “Enzo Biagi” ha organizzato venerdì sera un’assemblea pubblica, nella sala civica allo Stadio, con gli interventi del consigliere comunale Federico Benini e di quelli di circoscrizione Riccardo Olivieri e Sergio Carollo.

Il dibattito si è aperto in seguito all’approvazione in Consiglio comunale delle deroghe alla destinazione d’uso di due aree attualmente in degrado nel quartiere, grazie allo “Sblocca Italia”, che potranno diventare aree commerciali.

Giovedì 28 ottobre era arrivato il via libera per l’area ai civici 82-88 di corso Milano, il 4 novembre per quella tra via San Marco 108-110-112 e in via Curiel 9.

In cambio le società appaltatrici aree dovranno riqualificare le intersezioni stradali tra via San Marco, via Curiel e via Molise, dove saranno realizzate due rotonde.

Le rotonde

«Tutto questo solo per avere in cambio delle rotonde, che un Comune delle dimensioni di Verona può permettersi di realizzare senza doverle chiedere come opere compensative» è il commento di Federico Benini, consigliere comunale del Pd che insieme a Verona e Sinistra in Comune, Traguardi, gruppo misto aveva votato contro entrambe le volte. Favorevoli invece maggioranza e “tosiani”.

La rotatoria tra via San Marco e via Curiel ha un costo preventivo di 797.837 euro, quella tra via San Marco e via Molise 466.317 euro.

Supermercati Borgo Milano - opere compensative
Le opere compensative fra via San Marco, via Curiel e via Molise per i nuovi supermercati in Borgo Milano

«D’altra parte, se la rotonda fra via Curiel e via San Marco potrebbe anche avere una certa utilità, quella di via Molise è una follia urbanistica» dice Benini. «Si tratta di un incrocio senza alcuna criticità. La rotonda viene creata solo in funzione del progetto di un futuro insediamento di una clinica in quell’area. Ma chissà quando verrà realizzata la nuova urbanizzazione».

Il traffico nel quartiere

«Per non parlare del traffico e dell’inquinamento già gravissimi su corso Milano, dove esistono già quattro supermercati: Rossetto, Naturasì, Esselunga e Lidl. Ora arriva anche l’Eurospar. Se contiamo tutto il quartiere, si aggiunge l’MD, e il nuovo Migross. Mentre in altri quartieri limitrofi questi servizi per i cittadini sono totalmente assenti».

Anche il consiglio della Terza Circoscrizione, hanno ricordato Olivieri e Carollo, aveva dato parere negativo. Risultato raggiunto grazie ai voti contrari dalle minoranze, che hanno convinto un membro della maggioranza ad astenersi.

Per questi motivi i tre dem hanno anche lanciato una raccolta firme fra i cittadini per esprimere contrarietà a questi progetti.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Il punto dell’assessora all’Urbanistica Ilaria Segala

Ilaria segala
Ilaria Segala

«L’opera di riqualificazione riguarda un ambito urbano degradato – aveva spiegato Segala nel caso di corso Milano –, che presenta un patrimonio architettonico di scarsa qualità ed inadeguato sotto il profilo energetico-ambientale. Importanti opere compensative, a vantaggio della viabilità della zona, completano il piano degli interventi. L’investimento complessivo a carico delle società appaltatrici dei lavori è pari a circa 1 milione 300 mila euro».

Per l’area di via San Marco-via Curiel, Segala aveva dichiarato: «L’intervento andrà a riqualificare un’area dismessa, perseguendo le finalità sostenute dall’Amministrazione di rigenerazione urbana, di contenimento del consumo del suolo e di recupero sociale e urbano di un’area degradata.

LEGGI ANCHE: Salva un bimbo in mare: 82enne di Nogara muore in Romagna

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM