Discarica a Sorgà, c’è un parere negativo anche dalla Provincia di Verona

Arrivato negli scorsi giorni un parere negativo da parte della Commissione Via della Provincia di Verona sulla discarica di car fluff in località De Morta a Pontepossero di Sorgà.

Un cartello contro la discarica a Sorgà
Un cartello contro la discarica a Sorgà

Fra i dodici enti locali aderenti al “patto d’acciaio” contro il progetto di discarica di car fluff a Sorgà non c’era la Provincia di Verona. C’era quella di Mantova insieme a undici comuni veronesi e lombardi, ma non la provincia scaligera, che aveva comunque garantito supporto a livello burocratico.

Lo scorso 11 giugno è arrivato il parere negativo della Provincia di Verona, viste le osservazioni pervenute, nell’ambito della valutazione di impatto ambientale.

«Il Gruppo Istruttorio ritiene che rispetto la significatività dell’intervento in esame in termini di potenziali impatti sulle differenti matrici ambientali, la documentazione prodotta dalla Proponente non sia stata, per alcuni specifici aspetti e criticità, adeguatamente approfondita» si legge nel documento.

«Per quanto sopra considerato ed analizzato nonché sulla base delle osservazioni, dei pareri e delle contro deduzioni pervenuti e della presentazione al Pubblico, il Gruppo Istruttorio esprime parere negativo sull’impatto ambientale, in ordine al progetto presentato dalla ditta Rottami Metalli Italia s.p.a».

LEGGI ANCHE: Discarica “car fluff” a Sorgà: le ragioni del sì e del no

Soddisfazione è stata espressa da Coldiretti Verona, nella persona del presidente Daniele Salvagno, che come altre associazioni si è opposta al progetto: «Bene la decisione del Comitato Tecnico Provinciale Valutazione impatto ambientale che ha dato parere negativo alla realizzazione di una nuova discarica, in località De Morta in Comune di Sorgà, a servizio degli impianti di frantumazione veicoli dismessi e bonificati. La discarica prevista non poteva avere l’autorizzazione per le numerose difformità e gli impatti ambientali».

LEGGI LE ULTIME NEWS

Si esprimono anche i consiglieri regionali del Partito Democratico Anna Maria Bigon e Andrea Zanoni: «Ci auguriamo che il parere negativo della Provincia di Verona permetta di stoppare definitivamente il progetto della discarica di car fluff a Sorgà. Un progetto che vede tutto il territorio contrario, dai cittadini alle associazioni di categoria: l’unica favorevole è l’azienda proponente».

«Il progetto è ancora al vaglio della Regione, ma la bocciatura è di buon auspicio per un’archiviazione definitiva. Sorgà non può diventare la discarica del Nord Italia per questo tipo di rifiuti, si parla di 150mila tonnellate annue in una zona a forte vocazione agricola e ricca di eccellenze, dal riso Vialone Nano al radicchio, entrambi Igp fino alle pesche e ai kiwi; inoltre nell’area si trovano anche due allevamenti di maiali e una decina avicoli. È singolare che si possa pensare di autorizzare un impianto del genere in un posto simile. Dobbiamo tutelare l’ambiente e il paesaggio, diversamente da quanto fatto nel passato, anche recente. E lavorare affinché i rifiuti vengano riciclati il più possibile, invece di essere bruciati o stoccati in discariche».

Il cosiddetto “car fluff” è il materiale residuale che attualmente non si riesce a riciclare, al termine delle lavorazioni delle automobili rottamente.

Specifica la consigliera regionale di Europa Verde Cristina Guarda: «Il no da parte della Provincia di Verona al progetto di discarica a Sorgà conferma quanto andiamo dicendo da tempo: non è possibile consentire impianti di gestione dei rifiuti in zone agricole di produzione di qualità. I rifiuti non si conciliano, ad esempio, con i campi di riso Vialone nano. Ora ci attendiamo che anche la politica regionale faccia la sua parte, responsabilmente».

LEGGI ANCHE:
Omicidio di Chiara Ugolini: l’autopsia non chiarisce la causa della morte,
ma conferma che ha lottato

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO ULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM