Ancora la truffa dei falsi sordomuti a Verona: sei persone denunciate

Lotta ai falsi invalidi a Verona. Da un'auto sequestrata fermati e denunciati sei finti sordomuti che chiedevano denaro in città.

Polizia Locale Verona
Polizia Locale di Verona, foto d'archivio

Sei denunce: di nuovo la truffa dei falsi sordomuti

La Polizia locale di Verona ha individuato e denunciato alla Procura sei persone, tre uomini e tre donne, che fingendosi sordomuti da alcune settimane in centro storico raccoglievano denaro tra i turisti e i residenti. Fondamentale, nell’operazione di individuazione, il supporto di un cittadino, che ha segnalato al Comando il luogo in cui si trovava parcheggiata l’auto utilizzata dal gruppo per gli spostamenti.

Fra gli ultimi casi simili scoperti nel Veronese, quelli di settembre 2020 e giugno 2021 in città, e sempre quest’estate anche a Lazise.

LEGGI LE ULTIME NEWS

L’operazione

Il veicolo segnalato, un’Audi con targa francese, in sosta in lungadige Rubele, è stato immediatamente controllato dagli agenti. Le informazioni raccolte sono state successivamente elaborate dal Laboratorio di Analisi Documentale della Polizia locale, attraverso il sistema Eucaris, che consente di incrociare i dati dei telai dei veicoli in Europa con le targhe. È risultato che l’Audi, esportata in modo illegale, è di fatto ancora immatricolata in Italia, con un fermo amministrativo per mancati pagamenti di sanzioni al codice della strada.

L’auto è stata quindi sequestrata, per la mancata copertura assicurativa, la mancata revisione, la circolazione con fermo amministrativo e violazioni relativamente alla targa.

Denunciate le sei persone collegate al veicolo, tutte romene e residenti nel veneziano, delle quali due uomini e un donna sono stati accompagnati al Comando per ulteriori accertamenti su episodi di truffe avvenuti in altre province nel nord Italia.

Marco Padovani
Marco Padovani

«Un cumulo di reati da professionisti della truffa, oltre all’aspetto odioso di fare leva sul buon cuore e raggirare le persone» sottolinea l’assessore alla Sicurezza Marco Padovani. «Sono particolarmente soddisfatto che vengano colpite queste organizzazioni come monito di stare alla larga da Verona per chi vuole delinquere».

«Su questo e tantissimi altri fronti, il lavoro della Polizia locale, che ringrazio per l’impegno costante, continua ad essere essenziale ed importante. Altrettanto è fondamentale il supporto della cittadinanza, che attraverso le segnalazioni, consente in molti casi un’azione mirata di verifica. Grazie alla denuncia di un cittadino, infatti, è stato possibile intercettare l’auto ed avviare i necessari controlli, che hanno portato poi al fermo di sei persone. Un positivo lavoro di squadra in favore della comunità, che ampia la capacità di monitoraggio del territorio e rafforza la sicurezza».

LEGGI ANCHE:
Ancora corse tagliate da Atv,
quasi 400 anche martedì a Verona e provincia

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM