La pioggia salva i terreni veronesi

Con la pioggia degli ultimi giorni i terreni scaligeri appena seminati a mais hanno avuto il giusto apporto idrico per salvare le piantine nella delicata fase vegetativa. Una manna anche per gli ortaggi e verdure, kiwi, piante da frutto, fragole e vivai e vitigni e pascoli in montagna.

maltempo veneto pioggia acquazzone tempesta temporale

Dopo sessanta giorni senza pioggia, finalmente è caduta l’acqua sui campi veronesi. L’arrivo delle precipitazioni rappresenta una boccata di ossigeno per gli agricoltori scaligeri costretti alle irrigazioni di soccorso in alcuni territori.

I terreni appena seminati a mais hanno avuto il giusto apporto idrico per salvare le piantine nella delicata fase vegetativa. Una manna anche per gli ortaggi e verdure, kiwi, piante da frutto, fragole e vivai e vitigni, pascoli in montagna, dopo lo shock termico causato dal brusco sbalzo di temperature passate in pochi giorni da un caldo semi estivo a un freddo da pieno inverno con notti sottozero e gelate in un saliscendi di clima impazzito che mette a rischio i raccolti – sottolinea Coldiretti Verona.

La pioggia – continua la Coldiretti Verona – è attesa per combattere la siccità nelle campagne ma per essere di sollievo deve durare a lungo, cadere in maniera costante e non troppo intensa, mentre i forti temporali, soprattutto con precipitazioni violente provocano danni poiché i terreni non riescono ad assorbire l’acqua che cade violentemente e tende ad allontanarsi per scorrimento provocando frane e smottamenti

LEGGI LE ULTIME NEWS DI ECONOMIA

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO ULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM