Verso Fiorentina-Hellas, Juric: «Il nostro obiettivo resta la salvezza»

Nella tredicesima giornata di campionato di serie A l'Hellas Verona affronta alle 15 la Fiorentina di Prandelli all'Artemio Franchi. Una prova di riscatto per la squadra di Juric dopo la sconfitta di mercoledì 16 dicembre contro la Sampdoria.

Dopo la sconfitta contro la Sampdoria, per l’Hellas Verona è già il momento di tornare in campo domani, sabato 19 dicembre, alle 15 contro la Fiorentina all’Artemio Franchi. Una prova di riscatto per la squadra di Juric dopo la non esaltante prestazione di mercoledì scorso.

«Non eravamo stanchi, abbiamo dato il massimo, semplicemente i nostri avversari hanno prevalso in aspetti in cui di solito siamo noi a prevalere. Devo ancora valutare il quadro complessivo per quanto riguarda il recupero fisico e lo farò nel prossimo allenamento» afferma. «Abbiamo veramente poche scelte, speriamo dopo tre giorni di aver recuperato sia mentalmente che fisicamente».

Molte le assenze tra infortuni e squalifiche. «Si è fatto male anche Di Carmine per cui in attacco mancano tutte e tre le punte, manca Barak per l’espulsione, per quanto riguarda Ceccherini si è ripresentato il solito problema al polpaccio, Magnani non era al meglio contro la Sampdoria e non ha giocato per questo motivo. Günter speriamo di averlo al top nel più breve tempo possibile. Lovato può giocare contro la Fiorentina. Tameze devo ancora decidere dove farlo giocare, valuterò tra oggi e domani. Conteranno molto le sensazioni che avrò domani mattina per valutare il recupero fisico e mentale dei miei ragazzi».

L’obiettivo resta la salvezza. «Stiamo facendo delle cose straordinarie, anche meglio dell’anno scorso. Vedo la realtà con grande ottimismo, perché questi ragazzi stanno dando tutto e sono da lodare ogni giorno. Spero che i ragazzi continuino a dare il massimo e si esprimano al meglio anche contro Fiorentina e Inter, facendo leva sul nostro spirito battagliero che è rimasto immutato dalla scorsa stagione. E soprattutto che nessuno si faccia male perché noi dobbiamo dare sempre più delle altre squadre dal punto di vista fisico».

«Per quanto riguarda la sconfitta contro la Sampdoria non abbiamo giocato bene ma al contrario di quanto pensino giornalisti e tifosi, io ho ben chiaro quali siano le possibilità e i limiti della squadra» conclude con vena polemica. «I ragazzi sono andati oltre tutto il probabile e possibile. I giocatori che abbiamo venduto possono tutti fare bene dove sono adesso, alcuni lo stanno facendo, altri meno, ma sicuramente chi ha comprato i giocatori del Verona l’anno scorso ha fatto un affare perché sono forti».

LEGGI LE ALTRE NEWS DI SPORT