Una finale di pallamano da brivido tra Trieste e Venplast Dossobuono

La finale di pallamano si chiude con la vittoria di Trieste a 34-30 su Venplast Dossobuono. Una competizione impegnativa per entrambe le squadre, che avrebbe segnato per i vincitori l'entrata in serie A2 maschile.

La finale di pallamano tra Trieste e Venplast Dossobuono
La finale di pallamano tra Trieste e Venplast Dossobuono

La Venplast Dossobuono abbandona la Final Four di Serie B maschile a testa altissima. Nonostante le svariate difficoltà, i ragazzi di Carlo Nordera giocano partita di pallamano, sprofondando fino al -9 per poi scalare una montagna con una personalità al limite del commovente. Trieste la chiude solamente nel finale e la Venplast versa lacrime per aver creduto di poter compiere un’autentica impresa.

La dinamica del gioco

Venplast a Lissaro con tre terzini a disposizione, Zattarin dopo nemmeno 2’ deve assentarsi dal match per richiedere l’intervento dei sanitari causa ferita al volto, e nei primi 10’ Trieste prende in mano il pallino del match. Rizzi guida l’apporto offensivo giallo-rosso di inizio gara, mantenendo la Venplast agganciata agli alabardati, ma Trieste inizia a posare le fondamenta per il primo allungo: strappo che avviene a cavallo del 20’, con Guariso che riequilibra per un attimo il distacco, prima del nuovo allungo di Trieste sul calare del primo tempo. Bianco-rossi avanti all’intervallo sul 17-11.

Nella ripresa si accende l’uomo più atteso; Hrovatin guida Trieste sulle 9 reti di vantaggio. Distacco importante ed apparentemente insormontabile, causa anche un’iniziale pizzico di rassegnazione dei giocatori della Venplast. Una rassegnazione però che si trasforma in speranza, causa doppia esclusione per Trieste e conseguente rapido break della Venplast ad opera di Squarzoni, Tomasi e Zattarin che obbliga Bozzola al time-out al 40’. Dossobuono sul -5 e sul -6 al rientro dal time-out. Giallo-rossi che però percepiscono di essere giunti ad un punto di non ritorno; la Venplast inizia a salire di tono, entrando negli ultimi 10’ con 4 reti da recuperare.

Nel finale i ragazzi di Nordera, che fissano il -2 a 5’ dal termine con Fantoni, che infiamma un finale praticamente impossibile da prevedere fino a 20’ prima. Una Venplast che spende ogni energia fisica e mentale per rimontare, con Hrovatin però abile a mettere il bastone tra le ruote degli avversari con le reti pesantissime che spengono le speranze della Venplast. Trieste vince 34-30. I giocatori di Dossobuono che si sciolgono tutti in un pianto a cui però seguono i meritatissimi applausi per aver dato praticamente tutto.