Stop al calcio dilettantistico, D’Aleo: «È stato giusto fermarsi»

Per conoscere il punto di vista dei calciatori sullo stop imposto al mondo dello sport dilettantistico, nella trasmissione Buongiorno Verona, abbiamo intervistato Mario D'Aleo, calciatore dell'Avesa.

New call-to-action

I Dpcm delle ultime settimane hanno imposto un nuovo stop alle società sportive dilettantistiche. Anche i calciatori, racconta Mario D’Aleo, calciatore dell’Avesa, sono stati interessati da questa decisione: «È dura perché abbiamo avuto due campionati annullati e stare a casa è difficile. Ci sono state concessioni per allenarsi senza contatto ma è comunque molto complicato».

Leggi anche Calcio dilettantistico fermo, Ruzza: «Un disastro, ma non contesto lo stop»

È stato un periodo di stop, rinvii e presunte ripartenze nel 2021. Commenta D’Aleo: «Data la situazione credo che sia giusto fermarsi. Chi deve prendere decisioni si trova sottoposto a numerose pressioni, tra società, giocatori e lavoro: non è assolutamente semplice ed è chiaro che il calcio viene un poco dopo».

Lo stop non ha riguardato gli sport a livello professionale, che hanno invece potuto proseguire con la loro attività perché, secondo D’Aleo, «per i professionisti si tratta di lavoro, mentre per noi è una passione ed è giusto che rimanga tale, senza limitare i lavori che ognuno di noi svolge e senza creare problematiche in famiglia».

Leggi anche Stop al calcio dilettantistico, Gennaro: «Manca il confronto con gli atleti»

La società ha rispettato con molta attenzione le indicazioni sanitarie per contenere l’emergenza Covid 19: «Nel periodo di allenamento ci veniva misurata la febbre, l’ingresso e l’uscita erano separati e, negli spogliatoi, stavamo sempre a distanza. La società è stata veramente molto attenta».

Vota il sondaggio del giorno