Premiati Giada Pozzato e Giacomo Castagnini, promesse dello sport veronese

Assegnato il 41esimo premio "Consolini", annualmente assegnato dal Gruppo Sportivo Veterani Veronesi, a Giada Pozzato, che ha conquistato il titolo di Campionessa italiana di categoria nella specialità del salto con l’asta. Titolo di "giocatore educato" a Giacomo Castagnini del Concordia Calcio.

Premio Consolini a Giada Pozzato

La pandemia non ha fermato i talenti sportivi veronesi, che anche nel 2020 hanno saputo raggiungere importanti risultati. E’ il caso di Giada Pozzato, classe 2001 e residente a Bovolone, che lo scorso settembre a Grosseto ha conquistato il titolo di Campionessa italiana di categoria nella specialità del salto con l’asta

Un titolo che le è valso il 41° premio “Consolini”, annualmente assegnato dal Gruppo Sportivo Veterani Veronesi, e che oggi le è stato consegnato durante la cerimonia organizzata in municipio. A fare gli onori di casa, l’assessore allo Sport Filippo Rando. Presenti il presidente Gruppo Sportivi Veterani Veronesi Pierluigi Tisato, il direttore responsabile di Giovanigol Rodolfo Giurgevich e i rappresentanti di alcune società sportive veronesi. 

Giacomo Castagnini

LEGGI ANCHE Volley, a Verona le Super Final di Champions League

Assegnato anche il premio “giocatore educato” al quindicenne Giacomo Castagnini, promessa del calcio attualmente in forza nel Concordia categoria giovanissimi. Un riconoscimento al fair play dell’atleta, che in campo si contraddistingue per le doti umane e comportamentali oltre che per quelle tecniche.

«In questo anno difficilissimo per lo sport, è bello vedere che i nostri giovani non hanno rinunciato ai loro sogni e sono riusciti ugualmente a raggiungere traguardi importanti» ha detto Rando.

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI
PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM