Mozart a Verona, venerdì il concerto con il “corno delle Alpi”

Il tradizionale evento natalizio offerto da Gaspari Foundation per i suoi “auguri in musica” alla città, sarà intonato dalle festose partiture della famiglia Mozart, e dalla presenza del tutto eccezionale del Corno delle Alpi. Il concerto sarà venerdì 17 dicembre alle 20 presso la Cattedrale di Verona.

corno delle Alpi
Il corno delle Alpi

Non c’è Natale senza la magia della musica. Se poi le note sono quelle di Mozart, l’incanto si fa ancora più intenso. Fino a farci toccare le stelle. E se a rinnovare il pur breve prodigio, sono un padre (Leopold) e un figlio (Wolfgang Amadeus) che, come oltre 250 anni fa, tornano a farci (idealmente) visita proprio qui, in riva all’Adige, con tutta la prosperità espressiva e l’atmosfera di festa traboccanti da certe loro composizioni, ciò che dobbiamo attenderci è senza dubbio un tripudio di emozioni.

Leggi anche: Domenica al Ristori il tema dell’ambiente spiegato (e illustrato)

Ad annunciarlo è la terza edizione di Piccola Serenata Notturna, tradizionale Concerto di Natale offerto alla città dalla Gaspari Foundation (fondazione senza scopo di lucro fondata sui valori della Cultura, dei Giovani, della Solidarietà), che oltre alla suggestiva scelta di un programma mozartiano evocativo di un particolare clima di intimità familiare, quest’anno si impreziosisce dell’eccezionale presenza di uno strumento suonato in pubblico molto raramente, ma dalle caratteristiche sonore assai inebrianti e uniche: il corno delle Alpi.

Una serata doppiamente speciale, dunque, quella di venerdì 17 dicembre, ore 20, in Duomo, battezzata con il titolo «La Famiglia Mozart a Verona», in occasione della quale L’Appassionata, orchestra da camera “in residenza” della stessa Gaspari Foundation, reduce da una stagione concertistica di successo, avrà l’onore di accompagnare solisti del calibro di Dariusz Mikulski e di Alessio Benedettelli.

Il concerto

Dariusz Mikulski
Dariusz Mikulski

Il polacco Mikulski, direttore d’orchestra e suonatore di corno francese, aprirà l’evento con il Concerto per corno n.2 KV 417 di Wolfgang Amadeus (parte del ciclo di quattro composti dal giovane Mozart tra il 1781 e il 1783, in soli tre anni dunque).

Il veneziano Benedettelli, invece, che si fregia di essere stato il giovane e miglior diplomato di sempre, del Conservatorio della sua città, regalerà a tutti un’esperienza irripetibile, facendo risuonare il suo corno delle Alpi con la “Sinfonia pastorella” scritta da Leopold Mozart, nel 1755, appositamente per questo caratteristico strumento della famiglia dei labiofoni, discendente dello strumento pastorale storicamente usato per il richiamo degli animali al pascolo (tutt’ora impiegato dai mandriani delle Alpi svizzere), nonché per riproporre le tipiche melodie popolari “Ranz des vaches”.

Un altro omaggio alla famiglia Mozart, a cura dell’Appassionata, arriverà dall’esecuzione della Sinfonia 29 KV 201, scritta da Wolfgang, e della  Sinfonia dei Giocattoli attribuita a Leopold, una festa di strumenti chiamati a riprodurre i suoni tipici dell’età dell’infanzia, per divertire tutti i bambini. Proprio come ogni padre farebbe con il proprio figlio.

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?👉 È GRATUITO!👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv