Alla scoperta dell’ex polveriera del Monte Arzan

Questa sera e domenica doppio appuntamento ad Avesa per conoscere da vicino l'ex polveriera del Monte Arzan e dell'area del Coppo.

Polveriera Avesa Monte Arzan
New call-to-action

Un’area naturalistica a due passi dalla città, un importante patrimonio che fu teatro di una delle pagine più eroiche della storia veronese. Questa sera, mercoledì 7 giugno, e domenica 11, si svolgerà l’iniziativa “Alla scoperta dell’area dell’ex Polveriera del Monte Arzan e dell’area naturale del Coppo”. L’evento è promosso dalla Circoscrizione 2^ in collaborazione con il Gruppo Alpini Avesa e gli Angeli del Bello per far conoscere e aprire alla città questo luogo di grande valore.

L’area, inizialmente di proprietà del Demanio, è poi passata al Comune, che ha siglato un Patto di Sussidiarietà nel 2020 con il Gruppo Alpini di Avesa in collaborazione con il Gruppo Scout e gli Angeli del Bello, con l’impegno di curare la zona ma anche di valorizzarla dal punto di vista ambientale e storico. Proprio qui infatti, la notte del 25 aprile 1945, gli avesani salvarono il borgo e la città di Verona, conquistando una medaglia d’oro al valore militare, come riportato dall’insegna nell’atrio di Palazzo Barbieri.

LEGGI ANCHE: Dall’Univr solidarietà alle popolazioni palestinese e israeliana

Il programma

Mercoledì 7 giugno ore 21 – Sala civica di Avesa, via Indentro

Conoscere l’area dell’ex Polveriera”

Presentazione dell’Area dell’Ex Polveriera: la sua storia, l’atto di eroismo degli avesani, il suo successivo utilizzo da parte del Corpo degli alpini, la riconquista della sua naturalità da parte del bosco. Interverranno per il Gruppo Alpini di Avesa Mario Gianelli, Luciano Brunelli, Stefano Corradini con i contributi di Anna Paola Perazzolo della Forestale Regione Veneto e il geologo Alberto Carton.

Domenica 11 giugno dalle 10 alle 13

Visite guidate all’area “Il sentiero nei vaj”

Punto di ritrovo: spianata dell’area della piattaforma di tiro (le indicazioni saranno fornite la sera della presentazione). Visita dell’area attraverso il percorso sentieristico realizzato e curato dal Gruppo degli alpini di Avesa a gruppi di dieci persone. La durata del giro è di circa un’ora e, viste le caratteristiche del percorso, sono fortemente consigliati abbigliamento e calzature idonee ad affrontare un percorso di tipo escursionistico di montagna.

La presentazione dell’iniziativa

Alla presentazione dell’evento sono intervenuti la presidente della 2^ Circoscrizione Elisa Dalle Pezze, il coordinatore della Commissione Strade, Giardini e Arredo urbano della Circoscrizione Gabriele Recchia, e per il Gruppo Alpini di Avesa Mario Gianelli, Luciano Brunelli e Stefano Corradini.

LEGGI ANCHE: Sottopasso via Città di Nimes: eppur si muove

«L’iniziativa è possibile grazie al prezioso contributo e impegno degli alpini e degli Angeli del Bello – ha sottolineato la presidente Elisa Dalle Pezze – ed ha come obiettivo quello di avvicinare la cittadinanza a quest’area storica con grande valore naturalistico, oltre che mettere in luce un impegno durato due anni per valorizzarla e renderla fruibile».

«È una zona di notevole interesse a due passi dal centro città – ha detto Gabriele Recchia – quindi anche tranquillamente raggiungibile con i mezzi pubblici».

Ricevi (gratis) il Verona Eventi

Scopri tutti gli eventi e spettacoli della settimana a Verona e provincia!
Esce il mercoledì

CLICCA QUI PER RICEVERLO GRATUITAMENTE!