Trasporti, Fasoli (Filt Cigl): «Inutile negare che il settore è in crisi»

Per parlare del tema del giorno, trasporti e logistica, è intervenuto ai nostri microfoni Raffaello Fasoli, segretario generale Filt Cigl Verona.

Logistica e trasporti, comparti che hanno subito forti scossoni a causa della pandemia, in particolare quello dei trasporti. Perdite ingenti, tra l’80 e il 90%. Si occupano di ciò i sindacati per parlaci di questo è intervenuto ai nostri microfoni Raffaello Fasoli, segretario generale Filt Cigl Verona.

Leggi anche: Fiorese (CNA Veneto): «Trasporto pubblico rinforzato, ma poca certezza sul futuro»

In merito alla situazione del comparto, Fasoli afferma: «Inutile negare che il settore è in crisi. In comparti del settore ed e-commerce la domanda è addirittura in aumento, mentre per gli altri comparti la crisi è profonda e radicata che avrà i propri risultati anche nei mesi e negli anni a venire». 

Sugli aiuti previsti dal Recovery Plan: «Aiuterà in minima parte, già prima il settore era già in una crisi profonda, strutturale. Adesso stiamo assistendo ad un radicamento della crisi stessa. Alcuni malesseri strutturali continueranno ad essere in vigore, intesi come la concorrenza sleale e un mancato investimento sui giovani». 

Riguardo le manifestazioni dei mesi scorsi: «Abbiamo chiesto un riconoscimento salariale normativo a tutti i lavoratori perché anche in pieno  lockdown si è capito che questo settore è un lavoro essenziale e come tale deve essere trattato».

Fasoli conclude con una panoramica sui programmi futuri: «Comparti molto importanti sono in forte crescita, serve il rinnovo di tutti i contratti nazionali per mettere al centro i diritti, il lavoro e i salari e per dare il riconoscimento di un lavoro che è fondamentale per il nostro Paese».