Tosi sulle parole di Benini: «Gli unici inciuci li hanno fatti Sboarina, Polato e Casali»

Tosi commenta le parole dell'esponente Pd Federico Benini, sul suo sostegno a Tommasi: «Ha solo detto ciò che io ripeto da dieci giorni e cioè che dopo il rifiuto di Sboarina all’apparentamento con Forza Italia e mie civiche, il nostro elettorato si è diviso tra Tommasi, Sboarina e astensione».

Flavio Tosi
Flavio Tosi

«Qui gli unici ad aver fatto inciuci con la sinistra sono stati nel 2017 Sboarina e Polato, attovagliati in amorosi sensi con Bertucco al ristorante, e Casali che in un audio registrato sosteneva la volontà di spartire le nomine con i suoi “cari amici del Pd”. Quindi anziché perdere tempo in polemiche stucchevoli, il gruppo Sboarina, e Verona Domani dovrebbero spiegare agli elettori di centrodestra, ma anche alla stessa Lega che spingeva per l’accordo con il sottoscritto, perché hanno rifiutato l’apparentamento e consegnato Verona alla sinistra».

A dirlo Flavio Tosi (Forza Italia), dopo le polemiche scoppiate a seguito delle dichiarazioni dell’esponente del Pd Federico Benini.

Continua Tosi: «I flussi elettorali dimostrano che con il simbolo di Forza Italia e delle mie liste civiche, il centrodestra avrebbe vinto; invece per colpa delle scelte suicide dell’ex sindaco Sboarina si è perso. Questo è il dato di fatto confermato dai numeri, il resto sono chiacchiere, polemiche grottesche e ricostruzioni fantasiose». Tosi però non smentisce le frasi riportate da Benini, sul suo essere «pancia a terra» per Tommasi, pur essendo un’espressione generica.

LEGGI ANCHE: Omicidio di Villafranca, il presunto responsabile si costituisce

«Benini da uomo dei numeri – conclude Tosi – fa solamente un’analisi del voto e dei flussi. È vero che una parte del mio elettorato ha votato Tommasi, come una parte ha votato Sboarina e un’altra è rimasta a casa. Quello che dice Benini e che è oggetto di polemiche degli sboariniani, io lo ripeto da dieci giorni. È francamente surreale e incomprensibile questo clima da caccia alle streghe. Piuttosto gli sboariniani se ne stessero per un po’ in dignitoso silenzio, quantomeno per espiare le loro colpe dopo un harakiri politico degno di Tafazzi».

LEGGI E GUARDA ANCHE: Dentro al nuovo sottopasso di via Città di Nimes a Verona