Teatro Stimate, per ora non è confermato il concerto per Jan Palach

Teatro Stimate

In merito alla concessione del Teatro Stimate per l’evento “Terra e libertà” e dedicato a Jan Palach, abbiamo raggiunto al telefono padre Giuliano Bissoli, che si occupa della gestione dello stabile. Viste le discussioni pubbliche sul concerto organizzato dall’associazione Nomos, per ora la concessione del teatro non è confermata, ma padre Bissoli dice “Credo che sarà comunque qui”.

Numerose nei giorni scorsi le critiche all’evento “Terra e libertà“, durante il quale, secondo la locandina diffusa dall’associazione Nomos, si esibiranno Gabriele Marconi, Topi Neri, Hobbit e Compagnia dell’Anello, additati per le posizioni vicine all’estrema destra.

Nelle scorse ore l’associazione Assemblea 17 dicembre ha annunciato un presidio, criticando la concessione del Teatro Stimate.

Padre Giuliano Bissoli, responsabile del teatro, respinge qualsiasi critica di sostegno a gruppi nazifascisti. “La richiesta del Teatro mi è stata fatta dalla Provincia e dal Comune, in particolare dal consigliere Andrea Bacciga e dall’assessore Francesca Briani, per la commemorazione di Jan Palach”.

Nessun contatto quindi con i gruppi ospiti all’evento. “Quando mi è stato presentato l’evento – continua padre Bissoli – mi è stato assicurato che non ci sarà nessun contenuto ‘nazi’. Per ora la situazione rimane sospesa, non è confermato definitivamente che l’evento sarà al Teatro Stimate. Dobbiamo incontrare di nuovo i referenti di Comune e Provincia, ma alla fine credo che sarà comunque qui“.

In merito alle critiche dirette alla Scuola alle Stimate in relazione all’evento del 19 gennaio, come è specificato sul loro sito istituzionale, “Il Teatro ‘Alle Stimate’, parte del complesso all’interno del quale si trova la scuola, è affidato alla cura e programmazione di referenti del tutto autonomi rispetto alla gestione della scuola stessa”.