Provincia, ok al diritto di prelazione sulle quote del Catullo

In Consiglio provinciale approvata la prelazione delle quote di Cariverona del Catullo. Ai Comuni 1,8 milioni per contenere le emissioni inquinanti.

Flavio Pasini - Presidente Provincia di Verona
Flavio Pasini, Presidente Provincia di Verona
New call-to-action

Il Consiglio Provinciale di Verona si è riunito oggi pomeriggio, giovedì 30 novembre, nella Loggia di Fra’ Giocondo al Palazzo Scaligero. La seduta si è aperta con un minuto di silenzio in ricordo di Giulia Cecchettin.

I Consiglieri hanno poi approvato, all’unanimità, l’esercizio del diritto di prelazione dell’intera quota dell’aeroporto Valerio Catullo detenuta dalla Fondazione Cariverona (3,009%).

Un’operazione che prevede uno stanziamento in bilancio pari a 2,79 milioni di euro. Quota su cui, comunque, potrà esercitare lo stesso diritto ciascun socio dello scalo. Nel caso vengano presentate altre richieste di prelazione, infatti, i soci che avanzeranno le istanze potranno rilevare una quota parte, in base alla loro attuale partecipazione al Catullo, delle azioni messe in vendita dalla Fondazione.

LEGGI ANCHE: Carcere di Verona: aumenta la popolazione e il disagio psichico

«Il principio è lo stesso per cui abbiamo aderito all’aumento di capitale – spiega il Presidente Pasini – ovvero mantenere una presenza pubblica forte su uno scalo strategico per lo sviluppo di un’area estremamente rilevante dal punto di vista economico e turistico tra Veneto, Trentino e Lombardia, in cui Verona è al centro».

Il Consiglio, inoltre, ha ratificato oggi, sempre all’unanimità e con la medesima variazione di bilancio, un cospicuo aumento degli stanziamenti destinati ai Comuni per la sostituzione di vecchi impianti termici e di climatizzazione con nuovi impianti a basse emissioni e per l’acquisto di nuovi veicoli previa la rottamazione di mezzi inquinanti.

Per l’efficientamento termico, a fronte di un avviso del luglio scorso con un fondo di 500mila euro, sono arrivate al Palazzo Scaligero 52 domande, per richieste pari a 1,16 milioni di euro, ora coperti interamente dalla variazione di bilancio. Contributi fino a un massimo di 25 mila euro per ciascun intervento che andranno a cofinanziare nuovi e più performanti impianti soprattutto nelle scuole (17), municipi, biblioteche, palestre e altri edifici ad uso pubblico.

Sono stati 41, invece, i Comuni che hanno richiesto un contributo alla Provincia per sostituire vecchi mezzi inquinanti con nuovi a emissioni contenute. Per accogliere tutte le istanze, il Consiglio ha approvato, sempre con la medesima variazione di bilancio, un aumento del fondo dai 300 mila euro inizialmente stanziati a 648mila. Tra le amministrazioni locali, Palù e Arcole sostituiranno i vecchi scuolabus, mentre Castagnaro, San Pietro in Cariano, Casaleone, Mozzecane e Oppeano acquisteranno veicoli per il trasporto disabili.

Mezzi full electric saranno adottati da Brentino Belluno, Roverchiara, Sommacampagna, Castel d’Azzano e Caldiero. Quest’ultimo, in particolare, acquisterà una spazzatrice stradale di ultima generazione.

LEGGI ANCHE: Scipione a Verona raddoppia, il bus serale diventa a chiamata in nuove zone

«In media un Comune su due ha presentato un’istanza per i bandi – rileva il Presidente Pasini –, segnale inequivocabile dell’attenzione dei Sindaci e degli Amministratori sia verso l’ambiente, sia per i propri concittadini. Abbiamo deciso di dare un maggior peso alla sostituzione di scuolabus e veicoli per il trasporto di persone anziane o con disabilità. Un impegno doveroso nei confronti dei fragili e dei più giovani».

Infine, per la rotonda sulla Sp 11, di servizio all’ingresso del nuovo ponte sull’Adige in costruzione tra Brentino Belluno e Dolcè, la Provincia ha stanziato ulteriori 330mila euro, che si aggiungono al milione di euro già inserito nell’accordo di programma con la Regione del Veneto, per far fronte all’aumento dei costi dell’intervento.

LEGGI ANCHE: Ca’ del Bue: il Comune di Verona chiede approfondimenti ad Agsm Aim

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!

CLICCA QUI

PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM