Nuovo parco Santa Teresa, Padovani: «Merito della giunta Sboarina»

L’ex assessore a Strade e Giardini di Verona Marco Padovani replica dopo l’annuncio di ieri del suo successore Benini. Il merito della conversione da asfalto a verde sarebbe «della giunta precedente».

Parco Santa Teresa - Bronzato, Rossi, Padovani, Perazzolo
Bronzato, Rossi, Padovani, Perazzolo davanti all'area che sarà convertita in zona Santa Teresa
New call-to-action

È stata annunciata ieri dalla Giunta del Comune di Verona, in particolare dall’assessore Federico Benini, la trasformazione da parcheggio ad area verde di 17mila metri quadrati a due passi dal già esistente parco Santa Teresa, fra zona Fiera e Borgo Roma.

I gruppi di opposizione in consiglio comunale a Verona e in Quinta circoscrizione rivendicano però la paternità dell’operazione per la giunta Sboarina.

Il deputato ed ex assessore a Strade e Giardini Marco Padovani, predecessore di Benini nel ruolo, dichiara infatti: «Niente di nuovo sotto il sole. È lo stesso progetto della Giunta precedente».

LEGGI ANCHE: Ztl a Verona: si alza la tensione contro il piano del Comune

Padovani, insieme al presidente della Quinta circoscrizione Raimondo Dilara, al consigliere comunale di Verona Domani Paolo Rossi e ai capigruppo in Quinta circoscrizione Veronica Perazzolo e Moreno Bronzato, aggiunge: «I fondi arrivano dal bando “Pinqua”, che la passata amministrazione aveva deciso di finanziare. Il progetto è stato portato avanti insieme dagli allora assessori del Comune di Verona Marco Padovani, strade e giardini, e Ilaria Segala, urbanistica e Luca Zanotto, viabilità. La realizzazione di quest’opera è frutto del lavoro della precedente amministrazione, che dopo aver recuperato i fondi e gestito il bando, l’aveva anche approvata in Giunta.
Tommasi sta solamente pubblicizzando un’opera di cui probabilmente non conosce nemmeno la genesi».

«L’attuale assessore Michele Bertucco, che all’epoca sfilava insieme al Comitato di Verona Sud per appoggiare le loro istanze e accaparrarsi consensi, dopo aver mantenuto pressoché intatto il progetto della Giunta Sboarina, si dimentica ora di ringraziare chi con grande sforzo ha intrapreso la strada per arrivare al risultato di oggi. Questa è la differenza tra chi si riempiva la bocca di proposte per meri scopi politici, e non amministrativi, e chi invece ha lavorato per una migliore eco-sostenibilità di Verona».

Conclude Padovani: «L’amministrazione da oltre un anno sta raccontando ai veronesi quello che più fa comodo non raccontando la piena realtà dei fatti. Il parco verrà ampliato ma il merito, parziale e iniziale, è della Giunta precedente».

LEGGI ANCHE: Case di riposo, Bozza: «Dati impietosi». Bigon: «Necessaria riforma»

Guarda l’intervista all’assessore Benini

Ieri l’ok della giunta alla variante urbanistica per la trasformazione dell’area comunale di 17mila metri quadrati limitrofa all’attuale parco. Lavori previsti per l’autunno e finanziati con fondi europei. Qui l’articolo di ieri.

LEGGI ANCHE: La “villa rotante” torna a muoversi: idee e progetti per il suo futuro