Hellas Verona, presa di posizione nei confronti di Castellini

Il club gialloblù ha comunicato una «sospensione di gradimento» nei confronti di Castellini a seguito delle dichiarazioni rilasciate dall'esponente di Forza Nuova sul "caso Balotelli".

Maurizio-Setti

Presa di posizione forte da parte dell’Hellas Verona che, con una nota ufficiale, prende le distanze da Luca Castellini, esponente di Forza Nuova, a seguito delle dichiarazioni rilasciate ieri sul “caso Balotelli”.

Nella nota, come si legge: «L’Hellas Verona FC comunica di aver adottato nei confronti del Signor Luca Castellini una misura interdittiva che, proporzionata alla gravità dei fatti, alla luce di quanto previsto dagli artt. 6 e 7 del Codice Comportamentale, essendosi trattato di un comportamento basato su considerazioni ed espressioni gravemente contrarie a quelle che contraddistinguono i principi etici ed i valori del nostro Club, prevede la sospensione di gradimento nei confronti del Signor Luca Castellini da parte di Hellas Verona FC sino al 30 giugno 2030».

Castellini, durante un programma radiofonico, aveva parlato di Balotelli in merito alla vicenda dei presunti cori razzisti di domenica durante la partita tra Verona e Brescia, affermando che Balotelli non sarebbe mai stato italiano e che «abbiamo un negro in squadra (Eddie Salcedo), che ha segnato ieri, e tutta Verona lo ha applaudito».

Aggiornamento ore 18

La Procura della Repubblica di Verona ha aperto due fascicoli d’indagine, per l’ipotesi di reato di violazione della legge Mancino sull’istigazione alla discriminazione razziale, in merito alle dichiarazioni radiofoniche di Luca Castellini alla radio dopo Verona-Brescia, e per gli ululati contro Mario Balotelli partiti dal settore ‘Poltrone Est’ dello stadio Bentegodi. Sulle due vicende, la magistratura scaligera ha acquisito altrettante informative della Digos della Questura, che sono state depositate questa mattina in Procura. (Ansa)