Atv domani in sciopero, stop ai bus

Domani a Verona e provincia giornata dura per il trasporto pubblico veronese. Confermato lo sciopero di 24 ore degli autisti dei bus.

atv sciopero bus

Quella di domani, venerdì 25 ottobre, sarà una giornata dura per gli utenti del servizio di trasporto pubblico veronese. Confermato lo sciopero di 24 ore degli autisti.

Nello specifico, uno sciopero aziendale di 24 ore è stato proclamato dai sindacati Filt-Cgil, Fit-Cisl, UilTrasporti e Slm Fast, motivato da problematiche inerenti relazioni industriali, questioni salariali e inadempimento di accordi sottoscritti. Sciopero generale di 24 ore proclamato dal sindacato Cub Trasporti motivato da «problematiche inerenti a questioni salariali, fiscali, orario di lavoro, investimenti pubblici, welfare, rappresentanza nei luoghi di lavoro e diritto allo sciopero, diritti universali, pace, lotta alle disuguaglianze, immigrati».

Ieri pomeriggio le segreterie di Filt-Cgil, Fit-Cisl, UilTrasporti e Slm Fast sono state convocate in Comune dal sindaco Federico Sboarina e dall’assessore Luca Zanotto per cercare una soluzione alla vertenza Atv che potesse scongiurare lo sciopero di 24 ore proclamato per domani, venerdì 25 ottobre.

«Nel corso dell’incontro i vertici di Palazzo Barbieri – scrivono i sindacati in un comunicato congiunto – hanno potuto constatare come i salari dei lavoratori siano effettivamente molto bassi, di conseguenza hanno compreso che è assolutamente legittima la richiesta delle organizzazioni sindacali di aumentare i livelli minimi salariali senza chiedere ulteriori aumenti di produttività e/o flessibilità».

«Le segreterie Filt Cgil, Fit Cisl, UILTrasporti e SLM Fast, che chiaramente vorrebbero evitare disagi agli utenti, si sono rese disponibili a sospendere lo sciopero a condizione che l’azienda sottoscriva un verbale di incontro, nel quale vi sia l’impegno aziendale ad accettare tale richiesta, per poi proseguire la trattativa ad un tavolo tecnico, per concordarne le modalità di erogazione», continua il comunicato.

«L’azienda, preso atto di tale richiesta, si è riservata di fare un veloce confronto con i soci, fornire una risposta nel giro di poche ore e proporre un verbale di incontro – segnalano i sindacati – peccato che a distanza di 24 ore non c’è alcuna traccia di verbale e, questo, conferma la volontà aziendale di non voler trovare una soluzione alla vertenza». Questa l’amara conclusione tratta dai sindacalisti.

«Questa indifferenza aziendale, insopportabile sindacalmente e deprecabile eticamente e moralmente, costringe le segreterie Filt Cgil, Fit Cisl, UILTrasporti e SLM Fast a confermare lo sciopero di 24 ore nella giornata di venerdì 25 ottobre».

Fasce garantite

Sul sito di Atv è stato comunicato lo sciopero, specificando le fasce orarie nelle quali sarà confermato il servizio.

Garantite per il servizio extraurbano:

  • corse in partenza dai capolinea dall’inizio del servizio e fino alle ore 8.45 con proseguimento a destinazione rispettando l’orario pubblicato;
  • corse in partenza dai capolinea dalle ore 11.46 e fino alle ore 14.45 con proseguimento a destinazione rispettando l’orario pubblicato.

Garantite per i servizi urbani (compresi tutti i prolungamenti delle linee – esempio linea 21 per Negrar e San Giovanni Lupatoto, linea 24 per Caselle di Sommacampagna, ecc.):

  • corse in partenza dai capolinea dall’inizio del servizio e fino alle ore 9 con proseguimento a destinazione rispettando l’orario pubblicato;
  • corse in partenza dai capolinea dalle ore 12 e fino alle ore 14.59 con proseguimento a destinazione rispettando l’orario pubblicato.

Servizi speciali garantiti:

  • servizio navetta Stazione Fs Porta Nuova – Aeroporto Catullo,
  • servizio di trasporto da e per il Santuario di Madonna della Corona,
  • servizi noleggio e conto terzi.

Per quanto riguarda le biglietterie e gli altri uffici aperti al pubblico, l’azienda segnala che il servizio potrebbe non essere del tutto garantito nell’arco della giornata.