Marmolada, i morti salgono a dieci

Si ferma a dieci morti e un disperso il bilancio definitivo della tragedia sulla Marmolada. Stamattina le ultime ricerche via terra. Proseguono quelle in quota. Il Governatore Zaia: «Non lasceremo nulla di intentato».

Tragedia della Marmolada Zaia
Dalla pagina Facebook del Presidente della Regione Veneto Luca Zaia

Sono terminate stamattina le ricerche via terra con i cani sulla Marmolada, ma proseguono quelle in quota perchè, come ha detto il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia: «Non si vuole lasciare nulla di intentato». Intanto il bilancio della tragedia che si è consumata domenica scorsa con il distacco del Seracco parla chiaro: 10 morti e un disperso. Dopo giorni intensi e ricerche a tappeto da parte dei corpi di soccorso, si è arrivati a chiudere il cerchio con il ritrovamento dei resti di una decima vittima.

Al momento sono sei le vittime identificate dai familiari. Due nuovi riconoscimenti sono stati effettuati questa mattina a Canazei. Si tratta di cittadini di nazionalità ceca. Le persone – tutte di nazionalità italiana – reclamate dai familiari che risultano ancora disperse sono attualmente cinque, in attesa dei riscontri scientifici del Reparto investigativo speciale dell’Arma dei carabinieri.

LEGGI ANCHE: Marmolada: stop al turismo dell’orrore, chi non rispetta i divieti sarà denunciato

Ad oggi sono sette i feriti coinvolti nel tragico evento e che si trovano ricoverati in strutture ospedaliere, dei quali tre in Veneto e quattro in Trentino. Gli aggiornamenti sono stati comunicati dai Presidenti della Regione del Veneto, Luca Zaia, e della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, al termine della riunione di coordinamento che si è svolta presso il centro di Protezione Civile a Canazei. I parenti delle vittime ceche sono stati accolti in Val di Fassa dal console ceco a Milano Jiri Kudela e dai Presidenti Zaia e Fugatti, che hanno espresso loro il cordoglio delle comunità locali. 

LEGGI ANCHE: Marmolada, Fugatti: «Stiamo facendo tutto il possibile»

Per quanto riguarda le ricerche, proseguiranno ad oltranza in quota. Proseguono quindi i sorvoli dell’area del distacco con i droni per individuare eventuali nuovi reperti, che vengono puntualmente georeferenziati anche al fine di chiarire la dinamica del distacco e il movimento della massa di ghiaccio e roccia precipitato per oltre due chilometri lungo la parete nord della Marmolada. 

L’auspicio espresso dal Presidente Zaia e condiviso con il Presidente Fugatti è che venga aperto un tavolo nazionale per la definizione di eventuali nuove regole per l’accesso degli escursionisti ai ghiacciai, elaborate sulla base delle informazioni tecniche raccolte sul campo.

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv