Emergenza Emilia, partiti anche volontari veronesi

Attivata anche la Protezione civile veronese per i soccorsi ai cittadini colpiti dall’alluvione in Emilia Romagna. Da domani sono operativi nel territorio di Imola.

Emergenza Emilia Romagna
L'alluvione in Emilia Romagna
New call-to-action

Dieci volontari della Protezione civile veronese si uniscono alla colonna mobile regionale in soccorso ai cittadini colpiti dall’alluvione in Emilia Romagna. A questi si aggiungono anche le forze dell’Ana Verona, la sezione locale dell’Associazione nazionale Alpini.

L’Unità Operativa della Provincia, su richiesta della Regione, ha individuato due gruppi: Fumane, con cinque volontari, San Martino Buon Albergo e San Bonifacio con altri cinque volontari.

La protezione civile scaligera opererà a partire dal territorio di Imola per liberare strade, abitazioni, garage e cantine da acqua, fango e detriti. Sono previste ulteriori partenze, l’8 e l’11 maggio, da parte di altri gruppi di volontari veronesi.

LEGGI ANCHE: Incendio in via Mazzini, Vigili del fuoco in azione in centro a Verona – LE FOTO

In partenza i volontari di Ana Verona

Sono in partenza in queste ore i volontari della Protezione Civile dell’ANA Verona che da domani saranno in Emilia Romagna in forze agli operatori che stanno facendo fronte all’emergenza che ha colpito alcuni territori della regione. Da Verona sono due le squadre reclutate: Bassa Veronese e Valpolicella per un totale di sei volontari a cui si aggiunge un modulo di antincendio boschivo che servirà per pulire dal fango case e strade.

Le due squadre saranno operative da domani mattina a lunedì in una frazione di Imola che è ancora sommersa dalle acque del fiume esondato nei giorni scorsi.

Ieri, intanto, il coordinatore della Protezione Civile dell’ANA Verona Luca Brandiele ha effettuato un sopralluogo nelle zone colpite insieme al team di referenti della PC della Regione Veneto proprio per verificare le effettive necessità dei diversi territori travolti dall’emergenza e predisporre il piano operativo, entrato in funzione oggi e che vedrà partire alla volta dell’Emilia anche altre squadre da altre città del Veneto.

«Dove i nostri volontari saranno operativi, le acque stanno defluendo lentamente lasciandosi dietro distruzione e cumuli di fango. Noi aiuteremo gli abitanti a liberare le strade e a svuotare le case: primi passi propedeutici alla ricostruzione», analizza Brandiele. «Dopo lunedì, valuteremo se sarà necessario che altre squadre vadano a dare il cambio a quelle operative o se, come è nostro augurio, l’intervento e con esso dunque le criticità, possa dirsi concluso».

LEGGI ANCHE: Questione Ca’ del Bue: fissato incontro pubblico

«Ancora una volta ci troviamo in prima linea per far fronte alle calamità che colpiscono il nostro territorio», aggiunge il presidente dell’ANA Verona Maurizio Trevisan, ringraziando i volontari per la pronta risposta all’emergenza.

Uno degli ultimi interventi fuori regione della Protezione Civile dell’Ana Verona risale allo scorso settembre quanto una ventina di volontari è partita per i territori delle Marche colpiti dalla devastante alluvione che aveva provocato morti, feriti e devastazione.

Insieme ai 19 volontari, erano stati reclutati in loco anche due macchine movimento terra (una ruspa e un bobcat), 8 pompe idrogeologiche, un modulo antincendio boschivo e una torre faro. Inoltre, il mezzo della segreteria per il coordinamento delle operazioni sul campo. Uomini e mezzi erano stati impiegati soprattutto per togliere il fango, lavare le strade, svuotare case e cantine allagata. Tutte le operazioni erano state coordinate dalla Colonna Nazionale del Terzo Raggruppamento.

LEGGI ANCHE: Elezioni provinciali: due liste, sarà centrodestra contro centrosinistra

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!

CLICCA QUI

PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM