Blocco diesel Euro 3. Bozza lancia una petizione

Alberto Bozza
Alberto Bozza

Alberto Bozza, consigliere di Fare!, ha lanciato una petizione per abolire l’ordinanza che vieta il traffico ai veicoli Euro 3 diesel in tutto il territorio comunale a partire da oggi. Nella petizione, presente sulla piattaforma Change.org, è evidenziato il disagio creato con questo divieto alle migliaia di veronesi che lavorano con un veicolo Euro 3.

E’ scattato oggi, tra controlli serrati in centro e il malcontento di almeno 10mila automobilisti veronesi, il blocco delle auto Euro 3 alimentate a diesel. Un provvedimento firmato qualche giorno fa dal sindaco Federico Sboarina e che fa eco a quelli già in vigore in diverse regioni italiane tra cui Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte. Il blocco, che aveva indignato anche il consigliere Pd Federico Benini, vieta la circolazione delle auto Euro 3 diesel dalle 8.30 alle 18.30 fino al 31 marzo 2019.

A protestare contro quest’ordinanza ora, invece, è Alberto Bozza, consigliere comunale di Fare! che ha lanciato sulla piattaforma online Change.org una petizione per abolire la limitazione. “Un’ordinanza immotivata e dannosa perché si colpisce una platea di cittadini numerosa, soprattutto le categorie produttive, artigiani o piccoli imprenditori che hanno un mezzo di lavoro euro 3. E’ stato dimostrato che non è il traffico veicolare a incidere sui dati dell’inquinamento”, così dice la descrizione della petizione che, ad ora, ha raggiunto i 657 firmatari e non sembra fermarsi. “A Milano hanno fatto una cosa simile ma graduale, a Verona invece dalla mattina alla sera si decide di impedire la circolazione di migliaia di persone” conclude Bozza.

Tra le soluzioni proposte dal consigliere quella di riabilitare i veicoli Euro 3 e di introdurre delle finestre per poter far circolare anche gli Euro 0-1-2 diesel, Euro 0-1 benzina e motocicli con il certificato di circolazione rilasciato prima del 1° gennaio 2000.