Tutti i numeri di Expo

A pochi giorni dal termine, arrivano i primi dati ufficiali di questa Esposizione. E i numeri ci raccontano una storia di successo.

Che questa edizione di Expo sarebbe stata un tale successo forse all’inizio non era così scontato. Ma a guardare i numeri appena rilasciati dal sondaggio di Coldiretti/Ixè c’è da stare sereni.

Una spesa complessiva di 2,3 miliardi di euro, l’88% dei visitatori soddisfatti e che non sono stati intimiditi nemmeno dalle 2 ore e 45 minuti in media trascorsi in fila, abbiamo già la misura del successo di questa Esposizione Universale. Ma i record registrati durante questo semestre non si fermano qui.

Il sito espositivo è stato visitato da 21,5 milioni di persone, delle quali almeno 6,5 straniere: secondo gli organizzatori, si è trattato di un risultato da record per presenze, grado di apprezzamento dei cittadini e risultati per il Paese con 300 visite istituzionali, la presenza di 60 Capi di Stato o di Governo e ventimila impiegati e volontari addetti al sito animato da 140 Stati partecipanti, dei quali 54 con padiglioni propri oltre 70 nei nove cluster, ma anche tre organizzazioni internazionali.

Come ci racconta il sondaggio Coldiretti/Ixè, tra i padiglioni stranieri preferiti al primo posto c’è il Giappone, con il 21% dei consensi, seguito da Cina con il 9% e Kazakistan con l’8%, ma apprezzati sono stati anche gli Emirati Arabi e Israele, entrambi con il 7%

Per quanto riguarda i padiglioni italiani che sono piaciuti di più al primo posto – continua la Coldiretti – c’è Palazzo Italia, con il 26%, seguito da Perugina con il 15%, da Coldiretti con il 12% e da Coop e Eataly con l’11%. Molto apprezzato – precisano Coldiretti/Ixe’ – il Padiglione Zero dal 21% dei visitatori.

Le lunghe code, che il 73% dei visitatori indica come il principale aspetto negativo, danno in realtà la dimensione del successo.

Ma ben altri record sono stati segnati da Expo durante l’ultimo semestre. Il 20 giugno – ricorda ancora la Coldiretti – è stato realizzato il record mondiale ufficiale di lunghezza della pizza, con 1595,45 metri di prelibatezza sfornati nel sito, mentre il 26 giugno è arrivato il primo porceddu dalla Sardegna consumato fuori dai confini sardi in 4 anni e il 31 luglio ad Expo sono stati intrecciati dalla Coldiretti circa 25 mila peperoncini calabresi, per un peso complessivo di oltre duecento chili, che hanno formato una collana lungo 308 metri. Il cooking show con la frittata più piccola ha invece avuto luogo nel Farmers Inn degli agricoltori di Campagna Amica il 9 ottobre mentre il 18 ottobre lungo il decumano Italia e Francia si sono idealmente unite con la baguette più lunga del mondo di 122,4 metri, secondo la giuria del Guinness World Record. La chiusura il 29 ottobre ha visto realizzare il panino doc da record, preparato con la più grande pagnotta di pane di Altamura a denominazione di Origine (DOP) mai sfornata prima, dal peso di 1,5 quintali e lunga 3 metri, che è stata farcita con i migliori salumi Dop della tradizione italiana, dal prosciutto di Parma a quello di San Daniele, dal culatello di Zibello alla salsiccia di Calabria fino al salame di Cinta senese Dop. Il super panino è stato donato al Banco Alimentare, l’organizzazione di volontariato che destina i prodotti alimentari alle persone indigenti.