Fantinati: “Dimissioni della Salemi? Una beffa”

fantinati

Polemica a distanza fra l’onorevole pentastellato Mattia Fantinati e la consigliera regionale (ed ex candidata sindaco per il centrosinistra) Orietta Salemi.

L’esponente del Partito Democratico aveva annunciato ieri la sua rinuncia al posto che le spetterebbe dopo l’esito delle recenti amministrative in Consiglio Comunale: «Lascio il posto a nuove leve di amministratori – aveva dichiarato la Salemi, aggiungendo – Non mi chiamo fuori da questo impegno, ma vi contribuirò con strumenti diversi».

Dura la reazione di Fantinati: «Le dimissioni della Salemi sono una beffa per i cittadini veronesi. Facendo il classico gioco dei partiti tradizionali, non ha  rassegnato le dimissioni l’11 giugno dopo il disastroso risultato, ma ha sperato  invece in una vittoria della Bisinella per poter avere valenza nella nuova amministrazione. Con la vittoria di Federico Sboarina, però, il suo doppio gioco “non votate nessuno dei candidati ma in ogni caso non votate Lega” è crollato miseramente. Supportata anche dal fatto che la poltrona regionale sia più interessante dal punto di vista economico rispetto a quella comunale».

«La politica dovrebbe essere basata sui principi di onestà, coerenza e rispetto per il voto dei cittadini – conclude il portavoce alla Camera per il M5S – e noi siano nati con questi principi e proseguiremo il nostro percorso con questi ideali fondamentali. In questo invece  il Pd veronese ha fallito sotto ogni punto di vista».