AGSM-AIM, nella querelle Casali-Tosi si inserisce Paternoster: «Nulla di vero»

Il già presidente di AGSM Paolo Paternoster, ora onorevole della Lega, accusa l'attuale presidente della holding AGMS-AIM Stefano Casali e il leader di Battiti Daniele Perbellini di aver dichiarato affermazioni false nella disputa col consigliere Flavio Tosi e che riguardano anche il periodo in cui Paternoster era alla guida della municipalizzata.

Paolo Paternoster
L'onorevole della Lega Paolo Paternoster.

«Leggo con stupore le dichiarazioni rese oggi dal Presidente di Agsm Stefano Casali e dal leader della lista civica Battiti, Daniele Perbellini, i quali dichiarano che la Multiutility, nel decennio 2007-2017 avrebbe speso 38 milioni di euro per consulenze.
Ora, essendo stato il sottoscritto Presidente durante metà del periodo in questione, chiedo l’elenco di dette consulenze per verificarle una per una, avendo la certezza che quanto dichiarato non corrisponde per nulla al vero».

Così l’onorevole della Lega Paolo Paternoster, già presidente di AGSM, che interviene in merito alle dichiarazioni rilasciate oggi da Casali e Perbellini in risposta all’ex sindaco Flavio Tosi.

«Inoltre – prosegue Paternoster – per quanto riguarda la costituzione della nuova holding AGSM AIM, ricordo all’attuale Presidente e a Perbellini che il sottoscritto fin da subito si e’ impegnato a fondo alla ricerca di partner con cui fare squadra, incontrando – con il D.G. Cigolini – molte realtà di livello internazionale e già dal 2012 avevamo costituito la società mista Verona -Vicenza 2V Energy, SPA propedeutica alla successiva vera e propria costituzione di una holding, cosa che è regolarmente avvenuta pochi anni dopo».

«Se quindi, oggi, c’è AGSM AIM, 1,4 miliardi di fatturato annuo, Holding con migliaia di dipendenti, centinaia di aziende che lavorano nell’indotto, SPA centrale nel panorama delle multiutilities europee e’ da attribuire al lavoro, costante, paziente e soprattutto competente effettuato dal 2010 in poi da un gruppo dirigente di Agsm che, vedo con molto dispiacere e con altrettanto stupore, viene ora licenziato uno per uno dall’attuale governance, come se si volesse creare un nuovo staff di figure apicali che rispondono ad un unico soggetto, dando un “taglio netto al passato”, passato pero’ costellato di risultati brillanti e non certo di insuccessi».

LEGGI ANCHE: Incendio in appartamento a San Giovanni Lupatoto, tre persone ferite

«Spiace anche che lo stesso attuale Presidente non ricordi l’iter per la costituzione di 2V Energy, in quanto un noto iscritto alla sua lista civica(Verona domani) era Vicepresidente della Holding e poi Presidente della stessa società mista, al posto del sottoscritto. – conclude l’onorevole della Lega – Parliamo anche del fatturato aziendale 2007 – 2017, in continuo aumento, come e’ aumentata la clientela, con pressanti campagne di espansione in tutto il territorio nazionale.
Li invito, quindi, a non confondere i Cittadini con dichiarazioni non vere, denigrando chi ha presieduto una Holding che, in quel periodo, ha prodotto ogni anno guadagni record, non ha aumentato le bollette, ha effettuato investimenti milionari, ha realizzato importanti opere infrastrutturali, parchi eolici, centrali idroelettriche, impianti fotovoltaici, lanciando AGSM a livelli di utili e fatturato mai raggiunti prima».

LEGGI LE ULTIME NEWS

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv