Nozze d’argento tra Italia e Gruppo Müller

Nel 1995 il colosso europeo del lattiero-caseario ha fatto il suo ingresso in Italia, a Verona. Il Gruppo, nel 2019, ha registrato un fatturato globale di circa 5,7 miliardi di euro.

Dr. Manfred Weiss, Direttore Generale di Müller Italia
Dr. Manfred Weiss, Direttore Generale di Müller Italia

Müller festeggia nel 2020 i 25 anni dalla costituzione della sede italiana di Verona. Per il colosso europeo del lattiero-caseario, il venticinquennale di Müller Italia è l’occasione per celebrare una storia d’amore a prima vista con i consumatori italiani.  

Il Gruppo Müller – formalmente Unternehmensgruppe Theo Müller S.e.c.s. – è una multinazionale specializzata nel settore lattiero-caseario. Con un fatturato globale 2019 di circa 5,7 miliardi di euro e oltre 24mila persone impiegate, è presente in 23 mercati a livello globale.  

In Italia, Müller si colloca al secondo posto – insidiando da vicino la posizione di leadership – per market share nel mercato dello yogurt, un segmento del lattiero caseario che, secondo rilevazioni IRI, a totale 2019 ha fatto segnare un valore di 1.35  miliardi di euro per un complessivo totale di 344 milioni di kg di prodotto e più di un miliardo di confezioni.  

L’ingresso in Italia di Müller, nel 1995, ha svolto un ruolo determinante in quella che è  stata una vera e propria ridefinizione della comunicazione e della percezione dello  yogurt presso il consumatore finale, facendo scoprire agli italiani un’esperienza  sensoriale del tutto nuova.  

La sede di Verona, da sempre focalizzata sullo sviluppo di prodotti specifici per il mercato  italiano, si è resa da subito protagonista di una campagna pubblicitaria a copertura nazionale tanto accattivante quanto dirompente per la categoria.

«Tra Müller e l’Italia c’è una relazione solida e assolutamente speciale, testimoniata dal  fatto che Müller Italia sia una delle prime filiali nazionali costituite dalla Holding –  dichiara Dr. Manfred Weiß, Direttore Generale di Müller Italia -. Andiamo fieri dei  risultati raggiunti in questi 25 anni e di essere il punto di riferimento qualitativo e  dell’innovazione per il mercato. Ma vogliamo anche continuare a guidare l’evoluzione e  della categoria rispondendo alle richieste dei nostri consumatori e superandone le  aspettative».  

Coerentemente con l’attenzione aziendale verso i temi ambientali, Müller continua ad investire nell’innovazione tecnologica e di prodotto. Nell’anno del suo 25°, lancia in anteprima nel mercato italiano un nuovo vasetto da 500 grammi realizzato in  Destopot, destinato a sostituire le confezioni oggi in commercio. Il vasetto è a ridotto contenuto di plastica, rivestito da un cartoncino completamente rimovibile e perciò riciclabile separatamente. Il passaggio a questa soluzione permetterà di ridurre del 60% il quantitativo di  plastica, con un risparmio in termini di minore impatto ambientale molto significativo.  

Leggi anche: Covid-19, 300mila euro da Müller per gli ospedali veronesi