Domani protesta in piazza Bra degli imprenditori

Domani, dalle 15 alle 18, si terrà in piazza Bra una protesta pacifica degli imprenditori, uniti dai problemi economici causati dalla pandemia e soprattutto dalle continue chiusure delle proprie attività.

Manifestazione-Fipe-Confcommercio-piazza-Bra
Manifestazione 28 ottobre 2020, foto d'archivio.

Domani 2 aprile, dalle 15 alle 18, si terrà in piazza Bra a Verona la manifestazione di protesta pacifica “È tempo di risposte”. Si tratta di un’iniziativa nata da un gruppo spontaneo di imprenditori, appartenenti a diversi settori economici, ma uniti dai problemi economici causati dalla pandemia e soprattutto dalle continue chiusure delle proprie attività.

Leggi anche: Cambiamento climatico, oggi la protesta di Extinction Rebellion in Bra

«Si tratta di una protesta appoggiata da numerose associazioni e gruppi di categoria veneti – esordisce il ristoratore veronese Marco Scandogliero, portavoce del malessere dei manifestanti -. A un anno dall’inizio della crisi sanitaria ed economica, i governi che si sono succeduti, con le loro scelte non hanno ancora trovato soluzioni soddisfacenti e ci troviamo ancora ai nastri di partenza». Le uniche decisioni, mirate alla chiusura insensata di una serie di codici ATECO ritenuti “non fondamentali”  hanno messo in ginocchio migliaia di aziende e lavoratori. Siamo di fronte ad un’evidente “latitanza  istituzionale”. 

Le richieste

La manifestazione non sarà solo un’azione di protesta pacifica, apartitica e apolitica, ma serve ad annunciare anche alcune delle nostre volontà

  • Chiediamo che da aprile/maggio, in concomitanza dei pareri della comunità, le nostre aziende  ripartano per non richiudere più. Non possiamo accettare nuove chiusure, toccherà al Governo predisporre fin da subito dei rimendi seri, sensati ed efficienti. 
  • Chiediamo che le aziende vengano ristorate in modo equo, soddisfacente e veloce attraverso un  ulteriore scostamento di bilancio di almeno 70 miliardi di euro e una moratoria bancaria fino al  mese di novembre 2022.  
  • Occorrono sgravi su utenze, Imu, Tari e che tutto ciò non ricada sui singoli Comuni ma che si agisca  con accordi con Regione e Stato centrale.  

«Queste sono solo alcune delle nostre idee -, precisa Scandogliero -. Abbiamo un programma strategico chiamato “piano Post Covid” molto più dettagliato e che siamo pronti a presentare ai  nostri interlocutori. Ci auguriamo che il Governo incontri al più presto una nostra delegazione per poter discutere e confrontarci in un obbiettivo comune: salvare le imprese. Durante la manifestazione non mancheranno ulteriori spunti di riflessione e saranno toccati molti altri argomenti importanti che riguardano le categorie in difficoltà. Concludiamo ribandendo che è tempo di risposte».  

LEGGI LE ULTIME NEWS DI ECONOMIA

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM