Agsm Aim, il contrattacco di Casali

L'indagine interna sulla condotta del consigliere delegato Quaglino «ha evidenziato alcune criticità in merito all’operato della direzione», afferma Casali. Per questo il cda di Agsm Aim ha anteposto la sua revoca a quella del presidente.

Stefano Casali
Stefano Casali

Nuova pagina nella vicenda dello scontro su Agsm Aim. Dopo le dichiarazioni delle ultime ore da parte delle forze politiche, oggi si è tenuta la riunione del consiglio di amministrazione della società, che il sindaco di Verona Damiano Tommasi aveva chiesto di rinviare a data successiva all’assemblea dei soci del 7 dicembre.

Il cda ha ratificato la convocazione dell’assemblea dei soci, che ha come oggetto la revoca del presidente Stefano Casali e della consigliera Francesca Vanzo, ma ha anche anteposto due punti all’ordine del giorno: la revoca del consigliere delegato Stefano Quaglino e l’accertamento delle responsabilità dello stesso eventualmente in danno alla società.

LEGGI ANCHE: Agsm Aim, il Comune ha aperto il bando per due membri del cda

Il cda di Agsm Aim Holding oggi «ha deliberato la ratifica dell’intervenuta convocazione dell’Assemblea dei Soci richiesta dal comune di Verona e fissata per il 7 dicembre 2022 alle 14.30», si legge nel comunicato della società.

Inoltre il cda «ha deliberato l’integrazione dell’ordine del giorno dell’Assemblea dei Soci anteponendo ai punti già indicati nella convocazione i seguenti:
1 – Revoca per giusta causa dell’Amministratore e Consigliere Delegato Ing. Stefano Quaglino, delibere inerenti e conseguenti.
2 – Delibera dell’azione di responsabilità dell’Amministratore e Consigliere Delegato Ing. Stefano Quaglino.
Il CdA rimette ai soci tutte le decisioni conseguenti».

LEGGI ANCHE: Cup, a Verona e provincia cambiano i numeri di telefono per prenotare le visite mediche

Damiano Tommasi e Stefano Casali
Damiano Tommasi e Stefano Casali

Di seguito la nota del presidente Casali: «Certamente i sindaci Tommasi e Rucco (di Vicenza, ndr) soci di Agsm Aim, saranno orgogliosi dell’operato del CdA che ha svolto un importante lavoro a tutela della società. L’indagine condotta, su delega dell’intero CdA, dal consigliere Fabio Sebastiano, che a sua volta si è avvalso di professionisti indipendenti, autonomi e di indiscussa professionalità, ha evidenziato alcune criticità in merito all’operato della direzione».

Continua Casali: «Peraltro il Sindaco Tommasi ha chiesto la revoca solo dello scrivete e dalla consigliera Vanzo. Tutti i documenti sono, come sempre, a disposizione di Tommasi e Rucco, e ovviamente sono pronto a illustrare ai sindaci i risultati. Ora, auspico che in tutte le sedi preposte siano ampiamente intraprese tutte le iniziative e azioni per accertare gli eventuali profili di responsabilità sulle condotte oggetto di analisi. Lascio ora, orgogliosamente e doverosamente cristallizzati ai soci tutti gli elementi necessari per le loro aggiornate valutazioni di competenza».

LEGGI ANCHE: Aveva modificato la targa dell’auto per la ZTL, multe per 16mila euro

La replica del Pd

Il gruppo consiliare comunale del Pd Verona fa sapere con una nota: «Dal confronto di oggi con il Sindaco Damiano Tommasi in conferenza dei capigruppo è emersa la conferma che fiducia e trasparenza sono beni intangibili primari e irrinunciabili per questa amministrazione così come per qualsiasi altra azienda da essa partecipata».

Continua il gruppo dem: «Il bene della società Agsm Aim è stato dunque fatto nel momento in cui sono state disposte le revoche del Presidente Casali e della Consigliera Vanzo che con il loro comportamento sulla vicenda Compago si sono resi di ostacolo al raggiungimento degli obiettivi dell’amministrazione. Non ci stupisce che questo semplice principio non venga compreso da chi come Sboarina ha fatto e disfatto tre presidenti durante il suo mandato amministrativo e oggi parla a vanvera di spoil system».

«Nel confronto con gli amministratori veronesi uscenti di Agsm Aim, Tommasi ha portato fatti e dati oggettivi che dimostrano l’intento dilatorio e l’azione politica tesa ad ostacolare il cammino dell’azienda per ragioni che esulano dal bene aziendale. Il Sindaco ha dato anche prova di coraggio e responsabilità intervenendo in una vicenda torbida rispondendo innanzitutto ai cittadini che lo hanno eletto e che da lui come da tutti i rappresentanti, si aspettano un comportamento trasparente ed irreprensibile» concludono dal Pd.

LEGGI ANCHE: Verona, ancora incidenti: due giovani ubriachi fuori strada

Il cda di Agsm Aim

Il cda di Agsm Aim è formato da sei membri, tre di nomina veronese e tre vicentina. Il Comune di Verona, che ha la maggioranza delle quote della società, indica in particolare il Presidente e l’Amministratore. I tre “veronesi”, nominati durante il mandato da sindaco di Federico Sboarina, sono Stefano Casali (di area Verona Domani-Fratelli d’Italia), Francesca Vanzo (Lega), e Stefano Quaglino.

Cda Agsm Aim
Cda Agsm Aim

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI
PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM