Alto, magro, di carnagione scura, con i rasta. Lo vedevano bazzicare nella zona da ormai un anno i residenti del quartiere Santo Stefano, l’uomo che ieri mattina ha tentato di molestare una trentenne. Tutto è successo verso mezzogiorno, questo ragazzo secondo la testimonianza della ragazza, è sbucato fuori all’improvviso, ha cominciato a farle apprezzamenti pesanti e le ha mostrato i genitali. Così lei ha cominciato a correre e si è riparta nel palazzo dove lavora, in via San Carlo. Lui nel frattempo è scappato via ma è stato rintracciato dalla polizia nel parco di San Pietro, grazie alle informazioni fornite dalla donna. Alcune persone che lavorano nella zona dicono di aver visto l’uomo già qualche ora prima, che litigava con un senzatetto.

Ma tutti i residenti della zona lo conoscevano, da ormai un anno bivaccava nel parco di San Pietro.

L’uomo è un giovane di 26 anni con residenza nel veronese, e per i prossimi anni non potrà entrare a Verona, per decisione del Questore Ivana Petricca, per atti osceni in luogo pubblico.