Coronavirus, Toffali: «Dobbiamo vivere la città senza timore»

Sono numerose le voci di esercenti e autorità ascoltate negli ultimi giorni sull'emergenza Coronavirus. Abbiamo raggiunto telefonicamente l'Assessore Toffali per capire cosa implica per il Comune di Verona.

Sono numerose le voci di autorità, istituzioni ed esercenti che abbiamo sentito nei giorni scorsi, per capire come Verona sta vivendo l’emergenza Coronavirus sia dal punto di vista sociale e della routine quotidiana, sia da quello economico e produttivo.

Abbiamo raggiunto telefonicamente l’Assessore al Bilancio e tributi Francesca Toffali, che ha sottolineato lo stato di sicurezza di Verona invitando tutti i cittadini e i visitatori a godersi la città, «senza alcun timore di entrare negli esercizi commerciali o di passeggiare nelle piazze».

Una crisi, quella innescata dall’emergenza, che ha intaccato economicamente anche le casse comunali: la chiusura di musei e monumenti, quindi il mancato acquisto dei biglietti, il calo dei turisti e delle soste sui parcheggi a pagamento, così come il mancato pagamento delle imposte di soggiorno negli alberghi, a causa della cancellazione delle prenotazioni, colpiscono anche la liquidità del Comune di Verona.