Insieme all’autore hanno dialogato il presidente della Società Sala Storica Roberto De Razza Planelli e il giornalista Stefano Lorenzetto. Durante la cerimonia di consegna del premio, celebrativa della ricorrenza dei 102 anni del Convegno Interalleato dell’8 novembre 1917, è stata approfondita da Guerri la figura di Gabriele D’Annunzio, scrittore, poeta, militare e politico, che partecipò alla prima guerra mondiale conducendo un’intensa propaganda intervista.

Il titolo del premio, “Linea del Piave”, vuole ricordare in particolare l’evento dell’8 novembre 1917 quando, a seguito dello sfondamento delle linee con la battaglia di Caporetto, il Re Vittorio Emanuele III convocò proprio a Peschiera i primi ministri alleati di Italia, Francia e Inghilterra e li convinse a opporre una ferma resistenza lungo il fiume Piave per arrestare l’avanzata dell’esercito austro- ungarico verso la pianura veneta.

A conclusione del focus su D’Annunzio, la consegna del riconoscimento a Giordano Bruno Guerri, direttore del Vittoriale di Gardone, che ha così ottenuto la statua appositamente realizzata per la prima edizione del premio.

«La Società sta ora organizzando l’edizione estiva, probabilmente in luglio, della “Linea del Piave” – ci ha spiegato il presidente De Razza Planelli – che vedrà protagonisti esponenti artistici, politici, letterari e porrà al centro i valori fondanti della nostra etica civile: il rispetto e l’aiuto del prossimo. Come per l’edizione di novembre, non si tratterà di un concorso, ma sceglieremo tra le opere già compiute di coloro che si sono esposti in difesa dei valori alla base della società con una linea di fermezza».