Vittoria dell’Italia (e dell’Hellas) al primo Europeo Uefa di Pes

Gli eSport stanno prendendo piede, unici a sopravvivere durante lo stop dovuto al Covid-19. L'Italia ha vinto gli Europei, contando anche su un protagonista dell'Hellas.

europeo pes

Una cammino quasi perfetto, per un’impresa che rimarrà memorabile. L’Italia vince eEuro 2020, il primo campionato europeo organizzato nella sua storia dalla Uefa di Pro Evolution Soccer: principale artefice di questo successo è stato il pro player di Hellas Verona FC eSports e Outplayed, Alfonso Mereu, conosciuto come ‘AlonsoGrayfox‘.

Un percorso, quello degli azzurri, iniziato a marzo con le qualificazioni: impressionante il ruolino di marcia dei quattro players azzurri – oltre a Mereu, in squadra anche Rosario AccursoNicola Lillo e Carmine Liuzzi – che si sono imposti come primi del girone grazie a 8 vittorie, un pareggio e una sola sconfitta.

L’Italia è stata poi inserita nel gruppo D, con DanimarcaSerbia e Turchia. Girone molto combattuto con la Serbia che si è dimostrata un valida rivale, superata grazie all’exploit di Alfonso Mereu che, in svantaggio per 2-0, è riuscito a ribaltare il risultato consentendo agli azzurri di approdare alle fasi a eliminazione diretta come primi classificati.

L’Italia ha poi prevalso su Israele per 2-0 nei quarti e quindi – sempre per 2-0 – sulla Francia, la favorita numero uno della competizione europea. In finale gli azzurri hanno ritrovato la Serbia, superandola per 3-1, con ‘AlonsoGrayfox‘ che nella sua sfida si è imposto per 4-2, dando uno slancio decisivo per la vittoria finale.

«Siamo sul tetto d’Europa. Sono davvero molto orgoglioso di questo risultato – sottolinea AlonsoGrayfox -. È stata una vittoria inaspettata e per questo motivo ancora più bella. Sono felice anche di aver portato un pezzo di Hellas Verona in questa impresa. Ovviamente voglio condividere questa vittoria con i miei compagni e con tutto l’entourage della nazionale che ci ha sempre sostenuto. Non eravamo i favoriti, ma sapevamo di essere una buona squadra».

«Siamo partiti in 32 squadre, è stata davvero dura. Chi erano i favoriti? Per me la Francia, che poteva contare su una coppia davvero forte. Uno dei due loro players è Campione del Mondo in carica. eEuro 2020 mi ha assorbito davvero tanto, c’era molta pressione e ogni errore rischiava di diventare un macigno. Adesso voglio godermi questo successo, ma ho già tanta voglia di allenarmi per tornare ancora più forte a indossare la casacca virtuale del Verona, visto che voglio provare a fare qualcosa di importante anche in eSerie A».

«A chi dedico questa vittoria? Sicuramente alla mia ragazza Melissa. Un aneddoto di questo europeo? Nella vittoria in rimonta contro la Serbia ci ho rimesso una sedia: quando ho subìto il 2-0, ho reagito male, perché ero convinto fosse finita. E invece…». (hellasverona.it)