SSD Vigasio: «Non siamo strumento nelle mani di Campedelli»

La società calcistica di Cristian Zaffani, dopo la vicenda dell’asta per i marchi del Chievo, vuole sottolineare alcuni aspetti del rapporto con l’ex patron Campedelli.

Luca Campedelli e Cristian Zaffani
Luca Campedelli e Cristian Zaffani (giugno 2023)
New call-to-action

Dopo la giornata di venerdì, in cui la Fc Clivense di Sergio Pellissier ha vinto l’asta per acquisire i marchi A.C. Chievo Verona, la società del Vigasio di Cristian Zaffani ha diffuso oggi un comunicato per chiarire alcuni aspetti.

In particolare viene evidenziato come la società che ha presentato le proprie offerte in concorrenza con la Clivense non è la SSD Vigasio, ma una nuova società, nonostante le persone di vertice fossero in parte le stesse. E inoltre «Luca Campedelli è un amico e l’indiscusso Presidente della ‘favola del Chievo’; speriamo di averlo ancora sugli spalti del Vigasio, ma non è partecipe nel nuovo progetto».

Gli equivoci sono tuttavia comprensibili. Luca Galvan, amministratore della nuova società, è il vice presidente della SSD Vigasio, mentre Cristian Zaffani è il presidente. Ed entrambi erano nello studio dell’avvocato Panozzo per l’asta, dove sono arrivati insieme a Marco Pacione, direttore sportivo del Vigasio e a lungo dirigente nel Chievo Verona di Campedelli.

LEGGI ANCHE: Verona attende il sorriso di Papa Francesco

zaffani marchio chievo
Cristian Zaffani e Marco Pacione arrivano dall’avvocato Panozzo per l’asta dei marchi A.C. Chievo Verona

Il comunicato della SSD Vigasio

Di seguito il comunicato integrale della SSD Vigasio.

«Dopo aver letto le varie inesattezze riportate dalla Stampa locale e nazionale, SSD Vigasio e i suoi soci ritengono fondamentale chiarire alcuni aspetti.

La passione per il gioco del calcio, quello bello, e per lo sport in generale quale indubbio elemento di socialità ha spinto alcuni dei nostri soci a dare vita ad una nuova realtà. Il progetto, una volta studiato ed approfondito con l’ausilio dei nostri professionisti, è stato negli ultimi mesi oggetto di confronto con altri imprenditori e società del Veronese che subito l’hanno accolto con entusiasmo. Ed ecco perché venerdi 10 maggio a quel tavolo non c’era la SSD Vigasio o Cristian Zaffani in qualità di nostro Presidente, come invece riportato, ma un insieme di soci, convinti di avere le capacità per ridare al marchio del Chievo Verona l’importanza che merita.

E davvero svilente vedere come il lavoro di tante persone venga invece ridotto alla, del tutto falsa, affermazione di essere uno strumento nelle mani del sig. Campedelli. Come dichiarato dal sig. Zaffani, Luca Campedelli è un amico e l’indiscusso Presidente della ‘favola del Chievo’; speriamo di averlo ancora sugli spalti del Vigasio, ma non è partecipe nel nuovo progetto. SSD Vigasio ha una storia di quasi 100 anni, è sempre stata sostenuta dalla passione e dagli sforzi economici del nostri soci, non è certo la marionetta usata per una contesa personale.

Venerdì pomeriggio, Luca Galvan, amministratore della nuova società (non il nostro “legale’), il Presidente Zaffani, i fratelli Avesani e il sig. Pigozzo, si sono seduti a quel tavolo in rappresentanza anche di Pisani Maurizio, Zaffani Stefano, Galvan Riccardo e di tutti gli altri soggetti coinvolti nel futuro del progetto. Questo team era sicuro che, in caso di aggiudicazione, sarebbe stato in grado di riportare quel marchio nelle categorie più alte del campionato sportivo. Economicamente la cifra di € 400.000,00 (€ 325.000 di imponibile a cui va sommata l’IVA al 22% e le imposte di registro) era il tetto che ci eravamo prefissati per l’acquisto dei marchi, quando l’ultima offerta avanzata da FC Clivense l’ha superato non potevamo che cedere. Ciò nonostante non possiamo che gioire del fatto che, dopo tanta ingiustificata attesa, il Chievo sia tornato in mano ad una società calcistica come quella di FC Clivense con cui ci congratuliamo ed a cui auguriamo il meglio nello sviluppo di questa importante eredità».

LEGGI ANCHE: Arresto cardiaco in strada a Verona: rianimato con il 118 al telefono