Pellissier stasera in campo. «Sono orgoglioso della squadra»

Sergio Pellissier mantiene la promessa ed esordirà in campo con la sua maglia numero 31 questa sera contro l’US Pozzo. Il presidente della FC Clivense si è raccontato ai nostri microfoni, e ha fatto un bilancio del primo campionato della squadra. La partita sarà visibile anche sulla piattaforma RadioAdige.Tv.

Sergio Pellissier maglia 31 Fc Clivense (1)
Sergio Pellissier con la sua maglia numero 31 della Fc Clivense

Pellissier stasera in campo. «Sono orgoglioso della squadra»

Sarà questa sera la data dell’esordio ufficiale di Sergio Pellissier con la maglia della FC Clivense. In occasione della gara con l’US Pozzo, infatti, il fondatore e presidente della FC Clivense si metterà a disposizione di mister Riccardo Allegretti per dare il suo contributo alla squadra. L’appuntamento è quindi per stasera alle 21, visibile anche sulla piattaforma streaming di Radio Adige Tv.

LEGGI LE ULTIME NOTIZIE DI SPORT

Mister Riccardo Allegretti aveva commentato la notizia con entusiasmo. «Sono contento che Sergio abbia deciso di scendere in campo. Lui è un esempio per tutti i ragazzi che stanno giocando. In queste settimane di allenamento si è messo a disposizione da professionista quale è. Mi auguro che sarà una bellissima festa, ma soprattutto mi auguro che i nostri ragazzi prendano spunto da un grande campione».

L’intervista al presidente Sergio Pellissier

Per l’occasione, Sergio Pellissier si è raccontato ai nostri microfoni.

È ora di bilanci per la Clivense, ma è anche ora di scendere in campo per te…

Sì. Sin dall’inizio ho pensato che mi sarebbe piaciuto partecipare attivamente in questo progetto e poter dire di aver calcato i campi a mia volta. Fortunatamente le cose con la Clivense stanno andando abbastanza bene. Questo è l’ultimo passo per chiudere la stagione con ottimi risultati. Partecipare alla festa per me è quindi molto bello.

Clicca l’immagine per accedere a www.radioadige.tv. e seguire la partita

Come ti stai preparando a questo appuntamento?

Ho fatto qualche allenamento, ma confesso di non essermi impegnato tantissimo (ride, NdR). Spero andrà tutto bene, ma la cosa bella era proprio poter scendere in campo con questi ragazzi che ci hanno fatto divertire e ci hanno regalato tante soddisfazioni.

I ragazzi come hanno preso il tuo ingresso in campo?

Sono contenti, vedono partecipare anche la società in questo sogno generale ed è bello. Sono ragazzi che si impegnano e vengono a tutti gli allenamenti: mi hanno reso orgoglioso. Hanno dato prova di carattere e di voglia di giocare.

E mister Allegretti ha detto qualcosa?

No, perché altrimenti non l’avrei convocato (ride). Sa quanto ci tengo, e quanto tutti noi ci teniamo. Anche lui ha fatto un lavoro eccellente e siamo diventati una bella famiglia.

Ormai sono passati dei mesi. Possiamo fare un bilancio di questo campionato?

È stato un campionato pazzesco. Sinceramente non mi aspettavo così tanto in così poco tempo. I ragazzi hanno fatto tanti sacrifici senza chiedere niente in cambio, è la dimostrazione che la passione fa fare ogni cosa.

Un altro punto fondamentale di Clivense è il grande tifo che c’è sugli spalti ogni volta che scendete in campo. Siete seguiti ogni volta che giocate.

Questo ringraziamento va fatto a tutti i tifosi che ci seguono, che hanno capito la nostra mission e che fanno parte della nostra famiglia. Mi piace poter gioire con i tifosi, è bello vedere la gente che ti ringrazia perché stai facendo qualcosa per loro.

Qual è la partita che più ti è rimasta nel cuore in questa stagione?

Io credo la prima, perché non mi aspettavo assolutamente d poter vincere. Ero in ansia come non mai. Ma anche l’ultima che abbiamo giocato. È stata la dimostrazione che i ragazzi hanno creduto in questo progetto e si sono veramente impegnati per vincere.

Dai risultati ottenuti sembra che la storia di Clivense sarà lunga e interessante…

Sicuramente è lunga, essendo partiti in seconda categoria. Vincere è difficile e sarà arduo poter replicare i risultati ottenuti quest’anno. L’idea è scalare la vetta il prima possibile e risalire il più in alto possibile. Stiamo lavorando per quello, e attendiamo di capire la strada giusta da percorrere. Ci siamo goduti questo campionato sin dall’inizio e ci siamo divertiti tantissimo. Abbiamo gioito e sofferto insieme ai ragazzi e ai tifosi, manca solo un punto e in due partite dobbiamo farlo il prima possibile.

Quanto sarebbe bello segnare il gol della vittoria?

Fare gol è sempre bello, ma credo che l’importante sia partecipare. I ragazzi sono allenati e forse vanno anche più di me, ma ci tenevano che ci fossi anche io e ci tenevo anche io. È giusto lasciare spazio a loro, i grandi artefici di questo risultato dopotutto sono loro.

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv