Ripartito il Super GT, Quintarelli fuori dalla zona punti

Debutto amaro al Fuji per la NISMO che non è andata oltre l'undicesimo posto finale. Ronnie Quintarelli: «Il campionato è appena cominciato».

Ronnie Quintarelli al Fuji 2020

Durante l’ultimo fine settimana è tornato in Giappone il campionato SuperGT, dopo oltre tre mesi di attesa dovuti all’emergenza sanitaria in corso in tutto il mondo. Nel primo appuntamento della stagione, Ronnie Quintarelli ed il Team Ufficiale NISMO si sono dovuti accontentare di un undicesimo posto, fuori dalla zona punti.

Proprio a causa delle restrizioni per la sicurezza, la serie è partita dal Fuji Speedway senza pubblico sugli spalti e con un programma rivisto. Le prove libere si sono disputate al sabato, mentre qualifica e gara sono andate in scena la domenica. La stagione 2020 ha portato anche al via il nuovo pacchetto di regole Class1, e tutti i costruttori hanno schierato vetture inedite, compresa la nuova Nissan GT-R.

La nuova Nissan GT-R.

Nelle prove libere, il team ha lavorato sull’assetto per la qualifica di domenica mattina, ma sin da subito la squadra si è resa conto che sarebbe stato difficile lottare per le prime posizioni, o anche solamente accedere al Q2. In NISMO si è così deciso di schierare Ronnie nel primo segmento. Pur con una vettura migliore rispetto alle libere, il tempo sul giro si è rivelato insufficiente, anche se per pochi centesimi, a garantire l’accesso al Q2 in cui avrebbe guidato Tsugio Matsuda.

Quintarelli, come dalla strategia canonica del team NISMO, ha preso il via della corsa. Nel primo stint, il passo non è stato abbastanza rapido da offrire nette chance di miglioramento, e al rientro ai box per cambiare gomme e pilota, e per rifornire, il veronese si trovava in nona posizione. Purtroppo, mentre Matsuda si trovava in lotta per l’ottava posizione, è entrato in contatto con una vettura doppiata danneggiando la parte anteriore sinistra della sua GT-R e intaccando il bilanciamento generale. Il team si è così dovuto accontentare di un undicesimo posto e, come dicevamo, a secco di punti.

«Il fine settimana del Fuji è stato molto più duro di quello che ci aspettavamo, e ci ha dato la consapevolezza del fatto che i rivali siano molto più avanti con le loro nuove macchine rispetto a noi. – ha affermato Quintarelli nel post gara – La stagione è comunque appena cominciata, e nonostante non siano più previsti test fino alla fine del campionato, daremo tutti noi stessi per cercare di reagire, e tornare a lottare per le posizioni di vertice il prima possibile. Un grazie a tutto il team per il duro lavoro e ai tifosi che ci hanno supportato per tutto il weekend».