Rally Club Valpantena, gara unica il 14 novembre

Il 18° Revival Rally Club Valpantena si adatta alle normative in vigore per l'emergenza Covid-19. La gara si disputerà in una sola giornata sabato 14 novembre con 8 PCT. Partenza e arrivo da Grezzana, ridimensionati pranzi e cene per rispettare le norme sanitarie. 170 il numero massimo di vetture ammesse. Sarà un ritorno alle origini con la parte sportiva protagonista.

Il 18° Revival Rally Club Valpantena cambia i propri connotati per rispettare le normative di contenimento dell’emergenza Covid-19 attualmente in vigore in Italia. Il Rally Club Valpantena, comitato organizzatore della popolare regolarità sport che negli anni è diventata un riferimento della specialità a livello internazionale, ha così preso la decisione di non rinviare la manifestazione, ma di ridisegnarla profondamente per renderla di più facile gestione.

La diciottesima edizione dell’evento si svolgerà su una sola giornata di gara, sabato 14 novembre, con il controllo documenti al venerdì sera in location che ancora sono in fase di studio, ma sicuramente su prenotazione a fasce orarie. La manifestazione prenderà il via sabato 14 novembre da Grezzana nelle prime ore della mattina per disputare 8 prove cronometrate a tempo in parte riprese dal percorso 2019 in parte ripescate dalle vecchie edizioni. Non ci saranno i consueti buffet e la cena in Villa Arvedi, ma si tratterà di un evento prettamente sportivo un po’ come fu nelle primissime edizioni. L’arrivo sarà sempre a Grezzana nella serata di sabato.

Proprio per questo ridisegno logistico, l’evento potrà accettare un massimo di 170 vetture al via. Sono in fase di studio e redazione i protocolli Covid-19 ai quali la manifestazione dovrà attenersi e relativi prima di tutto alla gestione del personale di servizio, dei concorrenti e dei team, secondo quanto disposto dalla Federazione Sportiva ACI Sport. Attualmente le normative non prevedono la presenza di pubblico e quindi questa sarà la direzione di lavoro dello staff operativo. Qualora dovessero esserci dei cambiamenti o degli aggiornamenti normativi di possibile attuazione saranno ovviamente prese tutte le decisioni conseguenti.

«La nostra volontà era quella di svolgere comunque la manifestazione anche in un momento così particolare» hanno commentato al Rally Club Valpantena il Presidente Roberto “Bob” Brunelli insieme a Gian Urbano Bellamoli, Sergio Brunelli, Paolo Saletti ed Alberto Zanchi. «Riceviamo ogni giorno mail e telefonate di piloti che sperano di poter partecipare e questo ci ha dato la spinta per trovare una soluzione e cercare di correre anche quest’anno. Sarà chiaramente un Revival Rally Club Valpantena molto diverso rispetto a quello al quale siamo abituati, ma la nostra intenzione era quella di dare continuità all’evento ed è quello che stiamo cercando di fare in queste settimane lavorando senza sosta per confermare anche tutte le questioni attualmente ancora in fase di studio».