Presentati gli Internazionali di tennis a Verona, con il sogno dell’Arena

Torna il grande tennis con gli Internazionali che si celebreranno a Verona dal 10 al 17 luglio sulla terra rossa della nuova location del Circolo Tennis Scaligero. Nel frattempo, inizia ad alimentarsi il sogno di disputare la competizione in Arena nel futuro.

Il giornalista e presentatore Gianluca Tavellin assieme ai suoi interlocutori Edoardo Rossi, Andrea Bonomini, Viktor Galovic, Carlo Piccoli e Filippo Rando.
Il giornalista e presentatore Gianluca Tavellin assieme ai suoi interlocutori Edoardo Rossi, Andrea Bonomini, Viktor Galovic, Carlo Piccoli e Filippo Rando.

Dopo il successo della passata edizione che vide trionfare Holger Rune, tornano gli Internazionali di tennis a Verona. La competizione taglierà il nastro nella seconda settimana di luglio, con inizio domenica 10 per poi chiudere i battenti una settimana più tardi con la finale del 17 luglio. La competizione, organizzata da VK Events, fa parte del circuito dei tornei ATP Challenger Tour 80.

LEGGI ANCHE: Tommasi day, ora si comincia: «Un futuro da scrivere insieme»

La nuova sede del torneo

Gli Internazionali di Verona quest’anno si giocheranno sulla terra rossa del Circolo Tennis Scaligero. Una nuova location, scelta per ampliare lo spazio di una competizione che nella passata edizione, disputata nel vicino Circolo dell’Associazione Tennis Verona, ha fatto registrare numeri di pubblico oltre le aspettative. Il circolo, spiega il Presidente Andrea Bonomini, «conta con 331 atleti iscritti, divisi in 17 squadre che quest’anno hanno ben figurato in Italia e anche nel mondo. Ci sono tantissimi tennisti che vogliono giocare con noi ed allenarsi nei nostri impianti. Siamo al primo posto nel ranking di Verona, terzi in Veneto e a livello nazionale siamo ventisettesimi».

Poi aggiunge: «In questo difficile periodo dovuto alla pandemia, abbiamo investito più di 200.000 euro per apportare miglioramenti strutturali, in modo da fornire il meglio ai nostri soci ed atleti. Quando Carlo Piccoli a marzo mi ha chiesto di organizzare qui il Challenge mi sono emozionato. Abbiamo lavorato duro e sudato per organizzare questo torneo, allestiremo un campo centrale di primissimo livello, che proietta questo spazio vicino ai circoli che hanno fatto la storia del tennis italiano».

LEGGI LE ULTIME NOTIZIE DI SPORT

Il torneo

«Il torneo sarà un Challenge 80 come quello dell’edizione passata. Quest’anno per fortuna siamo riusciti a cambiare la scomoda data dell’anno scorso che aveva creato difficoltà a livello di tempi per molti atleti. In questa edizione giocheremo subito dopo la finale di Wimbledon; il mondo del tennis sarà sicuramente ancora in fibrillazione.» Così Viktor Galovic, l’organizzatore del torneo, che poi entra più nel dettaglio sulle presenze dei giocatori: «Ci saranno giocatori provenienti da tutto il mondo. Ventuno di loro sono tra i duecento tennisti del Ranking ATP; l’anno scorso invece erano solo cinque. Ci saranno giocatori del calibro di Benoit Paire, tennista francese numero 76 del mondo. Poi nel tabellone parteciperanno anche tre Wild Cards che però non posso ancora svelarvi».

Viktor Galovic (a sinistra) assieme a Carlo Piccoli (destra)

Il sogno di giocare dentro l’Arena

L’immagine dell’Arena di Verona colma di gente e un campo di tennis al centro è davvero affascinante. «Una suggestione che mi auguro si possa realizzare nei prossimi anni, però purtroppo sull’anfiteatro romano grava un vincolo sportivo che non permette di organizzare eventi sportivi. Non dipende dall’amministrazione comunale». Così senza troppi giri di parole l’assessore allo sport del Comune di Verona, Filippo Rando.

«Il nostro sogno è di disputare un torneo con il campo centrale in Arena. Sarebbe qualcosa di unico e di straordinario che nessuno potrebbe imitarci nel mondo». Aggiunge il manager della competizione Carlo Piccoli.

Poi continua: «Voglio ringraziare tutti i partner che ci sostengono. Ci sarà una tribuna da 1200 posti che servirà per accontentare la capienza. L’accesso ai due campi da gioco secondari sarà gratuita, mentre per accedere al campo centrale sarà necessario pagare il biglietto. Quest’ultimo sarà arredato secondo la filosofia del torneo; sarà un vero e proprio teatro, con tre attori protagonisti: i due giocatori ed il pubblico. Mi auguro e sono certo che si creerà un’alchimia meravigliosa tra loro».

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv