Hellas Verona-Genoa, pareggio a reti inviolate al Bentegodi

Nella quarta giornata Serie A Tim 2020/21 al Bentegodi, Hellas Verona-Genoa termina 0-0, con gli scaligeri che raccolgono il settimo punto in campionato. «Un buon risultato. Noi dobbiamo essere umili, tenere in considerazione che questa squadra è giovane e ancora "nuova"» commenta mister Ivan Juric.

Nel posticipo della quarta giornata Serie A Tim 2020/21 al Bentegodi, Hellas Verona-Genoa termina 0-0, con gli scaligeri che raccolgono il settimo punto in campionato. Una buona prestazione sul piano del gioco e della pressione offensiva, che porta buone notizie anche sul piano della difesa, è la terza partita su quattro infatti in cui la porta del Verona rimane inviolata.

La partita

Buoni ritmi iniziali e con un sostanziale equilibrio, poi il Verona guadagna progressivamente metri di campo, costringendo il Genoa a rintanarsi nella propria metà campo. Occasioni qui per il Verona con l’avanzata Ceccherini e poi Favilli che innesca la corsa di Colley. Al 33’ risposta del Genoa con Pandev, che entra in area e calcia, trovando però l’opposizione di Silvestri.
Squadre al riposo sul parziale di 0-0.

Nella ripresa, gioca quasi solo il Verona, che colleziona calci d’angolo in serie. Al 15’ debutto in gialloblu per Nikola Kalinic.
Prima del termine, Faraoni, con un perentorio colpo di testa su punizione-cross di Dimarco, costringe Perin al grande intervento in volo. Finisce 0-0, e per il Verona è il settimo punto sui 12 sinora a disposizione.

Prossimo impegno di campionato per il Verona domenica sera a Torino contro i nove volte campioni d’Italia della Juventus.

«Un buon risultato. Noi dobbiamo essere umili, tenere in considerazione che questa squadra è giovane e ancora “nuova”» commenta mister Ivan Juric. «Sono molto soddisfatto dai ragazzi, anche dei tanti giovani che hanno giocato: hanno fatto tutto ciò che gli ho chiesto, nonostante fossimo contro una squadra di alto livello come il Genoa. Nella partita ci sono state tante cose positive, abbiamo battuto 14 angoli e creato molte occasioni».

«I giocatori hanno avuto grande personalità e hanno fatto un ottimo lavoro in campo. In queste quattro partite si sono viste tante cose buone, dobbiamo andare avanti così, perché il carattere è stato quello giusto» continua l’allenatore. «Ceccherini ci serviva, un difensore con carattere e che sa marcare all’italiana. Anche Vieira ha dato il suo contributo e Kalinić ha fatto vedere alcune sue qualità: lavorando bene, tornerà quello che abbiamo imparato a conoscere e apprezzare. Siamo solo all’inizio, è una nuova stagione e non dobbiamo dare alcunché per scontato. Dobbiamo aspettare i ragazzi come abbiamo fatto l’anno scorso, quando anche il pubblico ci ha dato una mano, sostenendoci in tutte le partite».

HELLAS VERONAGENOA 0-0

Hellas Verona (3-4-2-1): Silvestri; Lovato, Ceccherini, Empereur (dal 33′ st Dimarco); Faraoni, Vieira, Ilic, Lazovic; Tameze (dal 36′ st Salcedo), Colley (dal 36′ st Zaccagni); Favilli (dal 15′ st Kalinic)
A disposizione: Berardi, Pandur, Di Carmine, Udogie, Terracciano, Ruegg, Amione, Ilie
All.: Ivan Juric

Genoa (3-5-2): Perin; Bani (dal 24′ st Goldaniga), Zapata, Masiello; Ghiglione, Radovanovic, Badelj (dal 34′ st Behrami), Rovella (dal 34′ st Eyango), Czyborra; Pandev (dal 34′ st Parigini), Shomurodov (dal 18′ st Scamacca)
A disposizione: Paleari, Zima, Biraschi, Micovschi, Caso, Asoro, Dumbravanu
All.: Rolando Maran

Arbitro: Antonio Rapuano (Sez. AIA Rimini)
Assistenti: Tarcisio Villa (Sez. AIA Rimini), Fabrizio Lombardo (Sez. AIA Cinisello Balsamo)

NOTE. Ammonizioni: Badelj, Pandev, Tameze, Ghiglione