Calcio, Virtus Verona verso il derby con il Vicenza

Derby per la Virtus Verona che affronterà la capolista Vicenza domani sera alle 17.30. Il presidente allenatore Luigi Fresco: «Sarà una bella partita, affrontiamo la prima della classe, una squadra fortissima che ha individualità importanti ed un allenatore di categoria superiore».

Gigi Luigi Fresco virtus verona a cesena

Aria di derby in casa Virtus Verona. La sfida, fuori casa, alla capolista Vicenza in programma domani sera alle 17.30, anima la vigilia rossoblu. «Sarà una bella partita, affrontiamo la prima della classe – afferma il presidente allenatore Luigi Fresco – una squadra fortissima che ha individualità importanti ed un allenatore di categoria superiore».

«Chi toglierei al Vicenza? Sulle fasce sono insidiosi – precisa l’allenatore – direi Vandeputte, ma nel Vicenza gioca oggi quel Nalini che considero un fuoriclasse e che ha iniziato la scalata verso il calcio che conta partendo dalla Virtus Verona».

Sul momento che vive la Virtus Verona, afferma: «Faremo la nostra partita come abbiamo sempre fatto. Vogliamo tornare a casa con un risultato positivo. Nella gara d’andata siamo stati penalizzati dall’uomo in meno, in undici contro undici non l’avremmo persa. Puntiamo a riprenderci il maltolto, mettiamola cosi (sorride), l’ho detto anche a Mimmo (Di Carlo)».

«Stiamo recuperando un pò di pedine, Casarotto è tornato in gruppo, Rossi quasi» chiarisce parlando dell’infermeria della squadra. «Mancherà Pellacani e poi c’è il problema della doppia assenza sulla fascia sinistra con gli infortuni contemporanei registrati domenica scorsa di Manfrin prima e Vannucci poi. Giocherà Daffara».

Sulla formazione: «Ho un paio di dubbi, uno a centrocampo ma non cambieremo chissà cosa rispetto alle ultime uscite, anche a livello tattico».