Al Bentegodi arriva l’Inter. Baroni: «Daremo tutto»

Domani sera l'Hellas Verona aspetta i campioni d'Italia. Alle 20.45 l'Inter entrerà al Bentegodi per una partita che si prospetta difficile per i gialloblu, ormai salvi in Serie A per questo campionato.

Domani, domenica 26 maggio alle 20.45, il Bentegodi ospiterà l’Inter per la 38a giornata della Serie A TIM 2023/24. Mister Baroni ha parlato della sfida in conferenza stampa oggi pomeriggio.

«Noi vogliamo fare una bella partita, perché l’avversario è di una caratura elevatissima, è una tra le migliori quattro, cinque squadre d’Europa. Vogliamo ben figurare davanti a un avversario così e davanti al nostro pubblico – ha detto Baroni -. Sappiamo le difficoltà della gara, ma come dimostrato in questo campionato, le difficoltà non ci hanno mai spaventato, anzi, ci hanno sempre dato grandi stimoli. Anche se la squadra mentalmente ha speso tantissimo e la settimana non è stata semplice da gestire, ho cercato di rimettere tutti in carreggiata. Sono comunque convinto che i ragazzi che andranno in campo domani daranno tutto».

Sui giocatori in campo domani sera: «Questa è stata una settimana piuttosto complicata perché ci sono state delle defezioni oltre alle squalifica, ma chi andrà in campo lo farà perché se lo è meritato per quanto fatto durante tutta la stagione – ha detto l’allenatore gialloblu -. Ci tengo anche a sottolineare che nel corso del campionato, abbiamo fatto giocare 33 giocatori di 16 diverse nazionalità, ma ognuno di questi ragazzi sono stati al centro del progetto fin da subito, li abbiamo fatti sentire tutti dentro il progetto. Quindi chi andrà in campo domani lo farà perché ha ricevuto la credibilità del gruppo, se l’è conquistata e meritata. In una squadra non servono solo undici giocatori, non sono sufficienti, anche per allenarsi bene devono andare tutti al massimo. Chi giocherà è perché lo ha meritato».

Orgoglio, da parte di Baroni, per la salvezza conquistata: «La bellezza di questi punti conquistati è che ci sono anche da ricordare i rigori sbagliati, le partite dove ci è scappato il risultato alla fine come a Torino con la Juve, a Milano con l’Inter o l’ultima partita in casa contro il Torino. Abbiamo sempre avuto la capacità di non mollare, di crederci sempre, di rimanere in piedi e ripartire dalle partite che non sono andate bene. Sono 37 punti bellissimi e sudati. Naturalmente spero che ce ne saranno anche altri…Dopo la partita ho fatto dei ringraziamenti e ancora adesso continuo a pensare che abbiamo fatto un grandissimo lavoro, i calciatori sono sempre i principali protagonisti, quindi mi sembrava doveroso il ringraziamento principale a loro».

Spazio anche per uno sguardo sulla prossima stagione: «È presto per fare queste valutazioni. Io ora sono ancora concentrato nel giocare bene questa partita, perché c’è un avversario che può farti fare brutta figura e io questo non voglio che succeda. Giochiamo davanti al nostro pubblico e anche se ci sarà un bel clima di festa, non voglio che ciò distolga l’attenzione perché come dico sempre ai miei giocatori, ogni gara per noi è un momento di ‘festa’, si lavora, si fatica, si spendono energie fisiche e mentali per affrontare ogni partita. Quella è la vera ‘festa’ e quello che cerco di trasferire alla squadra è il senso di felicità e di gioia uniti a quelli che sono i nostri principi base, ovvero andare forte, aggressività, compattezza e determinazione».