Verona beat in tour a Cerea

Sabato 18 luglio alle 21 seconda tappa di “Verona Beat in Tour 2020” a Cerea. Protagoniste, come sempre, le canzoni immortali che hanno segnato il cammino, gli amori e le speranze di tanti ex teenager. La novità è la presenza sempre più sensibile di ragazzi, sia sul palco che tra il pubblico.

Sabato 18 luglio alle 21 seconda tappa di “Verona Beat in Tour 2020” a Cerea. Il Parco della biblioteca in viale della Vittoria ospiterà l’allegra carovana variopinta dello storico festival itinerante. Protagoniste, come sempre, le canzoni immortali che hanno segnato il cammino, gli amori e le speranze di tanti ex teenager. La novità è la presenza sempre più sensibile di ragazzi, sia sul palco che tra il pubblico. Forse i ricorsi storici di Giambattista Vico profetizzavano, dopo un periodo conflittuale e irascibile come quello che stiamo vivendo, un ritorno del “Peace & Love” con la rivoluzionaria parola d’ordine pacifista nel segno di Woodstock: “Pace, amore e musica”.

Pop Crak Band, Ricki e le Perle, White Shadows e Shindig sono i protagonisti musicali. I fratelli Maurizio (voce e chitarra) e Patrizio Bello (tastiere) guidano la formazione dei Pop Crak, con Adolfo Bonati (batteria), Pavel Ivanov (chitarra) e Nicola Vesentini (basso). Altri due fratelli e un cugino fanno parte di Ricki e le Perle: Claudio (voce), Ricki (tastiere e voce) e Patrizio Bertolini (batteria), la ventenne Elena Ferrarese (chitarra) e Fabio Tegazzini (basso). Le ombre bianche degli White Shadows si stagliano con Roberto Genovesi (voce), Lucio Erlati (chitarra), Roberto Rezzadore (chitarra), Giorgio Cottini (basso), Luca Righetti (tastiere), Stefania Parisotto (voce) e Gianpaolo De Bastiani (batteria). Shindig, che significa “cagnara” o festa chiassosa, è una formazione specializzata nel repertorio strumentale dei britannici Shadows, che schiera Maurizio “White” Bianchi (chitarra), Vito Bondavalli (chitarra), Umberto Scardeoni (basso), ancora Gianpaolo De Bastiani (batteria) e ospite Roberto Genovesi (voce) delle Ombre, Cinquantini e White Shadows.

Una bella festa popolare organizzata da Matteo Lanza, assessore alle Manifestazioni, e dal sindaco Marco Franzoni del Comune di Cerea, con il promoter Giò Zampieri. «Ascoltando queste canzoni, basta chiudere gli occhi per sentirsi ancora i ragazzi di allora, con i sogni ed i progetti che avevamo», sottolinea quest’ultimo.