A teatro, a casa e oltre: ecco “Unlocked” con Casa Shakespeare

Già iniziata la rassegna "Unlocked" di Casa Shakespeare. Tre mesi di spettacoli con eventi (teatrali e non) in presenza e online.

Uno spettacolo di Casa Shakespeare unlocked
Uno spettacolo di Casa Shakespeare. Foto da Facebook

Casa Shakespeare propone “Unlocked”

Spettacoli proposti sia in presenza che online, per una ventina di eventi realizzati fino alla fine dell’anno. E, ancora, Cimitero Monumentale di Verona e Funicolare di Castel San Pietro scelte come location speciali per ospitare alcune delle rappresentazioni realizzate. Sono queste alcune delle idee e delle soluzioni innovative contenute nel progetto artistico “Unlocked”, realizzato da Casa Shakespeare.

Una evoluzione del teatro contemporaneo, che punta a mettere in scena una rassegna particolare, in grado di favorire, grazie all’online, la partecipazione del pubblico che, per motivi diversi, è impossibilitato ad assistere dal vivo agli spettacoli.

La stagione gode del contributo della Regione del Veneto, del Patrocinio di Comune e Provincia di Verona e della collaborazione con Agec. Ha l’obiettivo di promuovere un nuovo modo di fare teatro, lo Streaming Drama®, e di aprire gli spettacoli anche al pubblico online, come risposta innovativa alla chiusura dei teatri imposta dal Covid-19.

LEGGI LE ULTIME NOTIZIE DI CULTURA E SPETTACOLI

Progetto

Streaming Drama® è una nuova forma espressiva artistica nella quale lo spettatore ha un confronto diretto con l’interprete, che lo porta ad immergersi quasi totalmente nella storia e nello spettacolo. Il tutto proposto rigorosamente online e live.

Unlocked prevede quattro sezioni: Streaming Drama®, con la messinscena di 3 spettacoli, adattati specificamente alla forma espressiva proposta dal nuovo direttore artistico di Casa Shakespeare Andrea De Manincor.

Teatro ospitato, con la partecipazione di 9 spettacoli da compagnie professioniste nazionali, a cui si potrà assistere in presenza, con capienza ridotta a 50 posti con prenotazione obbligatoria, e online, con diretta live ripresa da camera a 360° per esperienza immersiva nello spazio teatro.

La Biblioteca di Casa Shakespeare, che propone quattro incontri con letture, videoproiezioni, musica per le presentazione di una selezione di libri della Collana Scientifica Aristodemica (Edizioni Poliniani – Al segno di Fileta).

Teatro accolto, con il ritorno degli eventi in presenza di Casa Shakespeare e la proposta di spettacoli teatrali speciali realizzati in location particolari della città.

Programma completo degli spettacoli al link https://casashakespeare.it/teatro-online/

Ieri la presentazione in municipio a Verona

La rassegna, in programma fino al 24 dicembre e realizzata nelle location Teatro Satiro Off, Cimitero Monumentale e Funicolare di Castel San Pietro, è stata presentata ieri mattina dall’assessora alla Cultura Francesca Briani. Presenti per Casa Shakespeare il direttore generale Solimano Pontarollo, il direttore artistico Andrea De Manincor, il compositore e attore Andrea Manganotto e l’attrice Sabrina Modenini.

«Un’idea innovativa – sottolinea Briani –, che volge lo sguardo ad una nuova visione di teatro, in grado di raggiungere più spettatori possibili, sia in presenza che online».

«Dopo il lungo blocco delle attività a causa della pandemia, anche la cultura, nelle sue diverse forme artistiche, ha dovuto rivedere le sue modalità di linguaggio, per raggiungere l’utenza anche con proposte online. Complimenti alla produzione teatrale Casa Shakespeare per il particolare progetto presentato quest’anno, che offre, fino a dicembre un ampio programma di eventi» conclude l’assessora.

«La situazione di crisi che si è generata a causa del periodo pandemico – spiega Pontarollo – ha creato le premesse per approfondire e concretizzare un nuovo percorso. Una idea che si rivelerà preziosa per favorire l’accesso a contenuti culturali di qualità a persone impossibilitate a partecipare agli spettacoli dal vivo, come ad esempio persone in malattia, persone con handicap fisici o persone residente in altre città».

«È stato infatti pensato per integrare l’esperienza fisica, con il pubblico in teatro, con quella virtuale, attraverso connessione online, per offrire nuovi contenuti al pubblico e ampliarlo, per rispondere alle sfide della nostra contemporaneità» conclude Pontarollo.

LEGGI ANCHE: Zaia: «Restiamo zona bianca, ma c’è incremento del contagio»

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM