Sant’Ambrogio, tesoro della Valpolicella: vino, arte e cultura

Sant'Ambrogio a Voglia di Festa racconta il suo territorio e i suoi eventi: il sindaco Roberto Zorzi e l'assessore alle manifestazioni Andrea Chiereghini presentano l'estate 2021

Roberto Zorzi Sindaco Sant'Ambrogio
Roberto Zorzi Sindaco Sant'Ambrogio

Dopo più di un anno di stop, la Valpolicella torna finalmente a popolarsi di turisti provenienti da varie parti del mondo, e il comune di Sant’Ambrogio è pronto a deliziare i suoi ospiti, non solo con i propri prodotti enogastronomici, ma anche con i propri eventi estivi. L’assessore alle manifestazioni, Andrea Chiereghini, descrive questo paese nel cuore della Valpolicella, come territorio unico per le sue bellezze naturali, tanto da essere eletto Patrimonio dell’UNESCO. Inutile menzionare la cultura della vite e i vini pregiati, che tutto il mondo ci invidia; nonostante le dimensioni decisamente contenute del comune, questo vanta alcuni dei borghi più belli d’Italia, come Borgo San Giorgio, sede di eventi come la Festa delle Fave, e spesso scelto dalle coppie come location per le proprie nozze.

Tutti gli eventi di Villa Bassani

Adesso le associazioni culturali stanno lavorando per preparare degli eventi dedicati in particolare all’arte, con particolare occhio alla scultura della Scuola del Marmo del Pieve, e alle famiglie. Primo fra tutti, l’evento che si terrà nel nuovo parco di Villa Bassani, un meraviglioso polmone verde con numerose giostre a disposizione dei bambini. In seguito, ci sarà un’altra serata sempre dedicato alle famiglie, svolto in memoria di due cittadini scomparsi, curato dall’Associazione Memorial Jacopo Oliosi, con giochi e intrattenimento per i bimbi, ottima cucina, e musica dal vivo. Non poteva inoltre mancare quest’anno un concerto in onore di Dante, per i 700 anni dalla sua morte, sempre contornata dalle opere d’arte della Scuola del Marmo. Le Proloco di San Giorgio e Gargagnago si stanno impegnando insieme alle associazioni di volontariato locali e tutto lo staff, per organizzare queste serate in totale sicurezza, anche se le norme, come ben sappiamo, cambiano da un giorno all’altro. Il sindaco Roberto Zorzi, sottolinea l’impegno dei cittadini e della Proloco, che nonostante le difficoltà, hanno mantenuto ferma la volontà di realizzare le manifestazioni, e alla fine l’hanno reso possibile.

San Zenetto e la riscoperta di un culto

L’assessore alle manifestazioni Andrea Chiereghini informa inoltre, che Sant’Ambrogio è stata recentemente location per alcune riprese cinematografiche del film documentario “Il Sorriso di San Zeno” del regista Mauro Quattrina. La pellicola, girata appunto nella Chiesa di San Zenetto, ha fatto riscoprire agli ambrosiani un culto, che ormai sembrava andato quasi dimenticato, e la stessa chiesetta è diventata un monumento degno di essere visitato dai turisti, e da allora è aperta al pubblico, in alcune domeniche d’estate e a Pasqua. Una zona sicuramente sui cui puntare, e nella quale si prevede presto di fare altri progetti, come camminate nella natura, per valorizzare al meglio questo gioiello della Valpolicella, e così restituirgli la giusta attenzione rubatagli dalla pandemia.

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO ULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM